Diritto e Fisco | Articoli

Reato il foglio ingiurioso sul parabrezza dell’auto o sulla porta di casa

11 Giugno 2014
Reato il foglio ingiurioso sul parabrezza dell’auto o sulla porta di casa

La diffamazione punisce chiunque, comunicando con più persone, offende l’altrui reputazione.

Chi offende l’onore o il decoro di una persona commette il reato di diffamazione. Ma a far scattare l’illecito, di questi tempi, basta davvero poco. È il caso – spesso utilizzato con incoscienza sulle conseguenze che ciò può determinare – di chi lasci un foglio attaccato all’uscio di casa della vittima o un messaggio sul parabrezza dell’auto. Infatti, affinché scatti il reato, è sufficiente offendere l’altrui reputazione comunicando con più persone.

È questo l’inciso che spicca da una interessante sentenza, dei giorni nostri, pubblicata dalla Cassazione qualche ora fa [1].

Nel caso delle frasi offensive lasciate sulla porta del condomino antipatico, non rileva che quest’ultimo osservi il fattaccio dallo spioncino per modificare l’illecito da diffamazione a ingiuria.

Su questo punto, difatti, i giudici ricordano che “la mancata conoscenza” da parte del reo della presenza della persona offesa impedisce il perfezionamento del delitto di ingiuria e fa subentrare, invece, l’ipotesi della diffamazione.

Dunque, tutte le volte in cui un messaggio “poco oxfordiano” venga lasciato sulla porta, sul parabrezza dell’auto o su qualsiasi altro posto in cui sia facilmente visibile a chiunque e, nello stesso tempo, la frase ingiuriosa sia ben ricollegabile al suo destinatario, il reo sta attuando una “comunicazione con più persone”, offensiva per l’altrui reputazione: ed è proprio tale circostanza che fa scattare il reato di diffamazione.


note

[1] Cass. sent. n. 24576/14 dell’11.06.14.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube