Donna e famiglia | Articoli

Matrimonio simulato: si può annullare?

7 Dicembre 2021
Matrimonio simulato: si può annullare?

Che fare se una coppia contrae le nozze solamente per ottenere dei benefici?

Hai conosciuto un uomo straordinario originario dell’Africa meridionale. Non siete innamorati, ma avete una bella amicizia. Conosci la sua storia e tutte le difficoltà che ha dovuto affrontare: dalla povertà alla malattia. Lui vorrebbe tanto trasferirsi in Italia per trovare un lavoro e ricominciare da zero. L’unica possibilità che questo progetto vada in porto è sposare una ragazza italiana ed acquisire la cittadinanza. Tu sei ben disposta ad aiutarlo, ma non vorresti passare dei guai visto che si tratta di aggirare la legge. In questo articolo faremo il punto della situazione sul matrimonio simulato: si può annullare?

Tale situazione si verifica quando due persone si sposano anche se non hanno alcuna intenzione di stare insieme né di avere dei figli. I motivi di una simile scelta possono essere molteplici: ottenere la cittadinanza o il permesso di soggiorno, accedere all’adozione, godere di alcuni benefici fiscali, ecc.

Sebbene dal punto di vista civilistico le nozze simulate siano perfettamente valide, tuttavia è possibile chiedere l’annullamento entro un anno dalla celebrazione a condizione che i nubendi, una volta divenuti marito e moglie, non abbiano convissuto mettendo in atto quella comunione di vita materiale e spirituale tipica del matrimonio. Ma procediamo con ordine.

Cosa vuol dire matrimonio simulato?

Si parla di matrimonio simulato quando ci si sposa senza amore, vale a dire solo per beneficiare di alcuni effetti che derivano dal rapporto coniugale. Ti faccio un esempio.

Caia non può avere figli. Tuttavia, il suo desiderio di maternità è talmente forte che convince il suo amico Tizio a contrarre matrimonio. Solo in questo modo, infatti, la coppia potrà presentare in tribunale la domanda di disponibilità all’adozione di un minore.

Come puoi notare nell’esempio che ti ho riportato, Caia e Tizio si sono sposati non perché innamorati, ma solamente per adottare un bambino.

Affinché si possa parlare di matrimonio simulato, però, è necessario che entrambi i coniugi siano d’accordo nel realizzare qualcosa del genere. Per farti capire, non c’è alcuna simulazione se solo uno degli sposi nasconde il doppio fine senza esternare tale volontà anche all’altro. Di conseguenza, come vedremo a breve, il matrimonio non potrà essere impugnato.

Matrimonio simulato: si può annullare?

Secondo la legge, il matrimonio simulato è valido. Tuttavia, i coniugi possono proporre impugnazione allo scopo di far dichiarare la nullità delle nozze e riacquistare lo stato libero. Ciò vale a condizione che le parti non abbiano convissuto come marito e moglie subito dopo la celebrazione e che l’azione venga esercitata entro un anno dal giorno in cui hanno pronunciato il fatidico sì. Decorso inutilmente tale termine, il matrimonio produrrà i suoi effetti e ciascuno sarà tenuto al rispetto degli obblighi coniugali, quindi alla fedeltà, alla coabitazione, all’assistenza morale e materiale ed alla collaborazione nell’interesse della famiglia.

Perciò, se i coniugi non impugnano il matrimonio entro un anno dalla celebrazione non potranno più chiedere l’annullamento, ma solo il divorzio nei casi previsti dalla legge.

Cosa occorre per annullare un matrimonio simulato?

Per annullare il matrimonio simulato bisogna provare con ogni mezzo:

  • l’accordo, concluso prima delle nozze, per porre in essere l’intento simulatorio;
  • il fatto di non aver convissuto come coniugi subito dopo la celebrazione del matrimonio. Attenzione però: non è sufficiente la semplice coabitazione, ma è necessario che i coniugi abbiano consumato il matrimonio e abbiano assunto i diritti e gli obblighi reciproci (vale a dire fedeltà, collaborazione, assistenza morale e materiale).

La simulazione può essere provata attraverso testimoni, documenti, ecc. Spetta poi al giudice valutare le prove.

Quando non si può annullare il matrimonio simulato?

I coniugi non possono impugnare il matrimonio simulato nel caso di riserva mentale, cioè quando uno dei due sposi esprime il consenso nuziale, ma in realtà lo scopo è quello di invalidare il matrimonio all’insaputa dell’altro. Nel nostro ordinamento, tale circostanza non inficia la dichiarazione che rimane comunque valida.

Lo stesso discorso non vale nell’ordinamento canonico dove il matrimonio religioso viziato dalla riserva mentale si considera nullo a tutti gli effetti. Quindi, se il consenso alle nozze non è espresso in modo valido è possibile ottenere la dichiarazione di nullità rivolgendosi al tribunale ecclesiastico regionale competente. Va detto, per completezza, che la nullità vale solamente per la Chiesa, ma non avrà effetti nello Stato italiano se non attivando il procedimento di delibazione presso la Corte d’Appello territorialmente competente. A tal fine, è necessario, secondo la giurisprudenza, che l’intento simulatorio sia stato esternato all’altro coniuge (o quest’ultimo ne fosse comunque a conoscenza) e ciò nonostante abbia acconsentito ugualmente alle nozze. Solo in tale ipotesi, la sentenza di nullità emessa dal tribunale ecclesiastico può essere delibata e quindi produrre effetti anche nell’ordinamento civile.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube