Diritto e Fisco | Articoli

Urtare lo specchietto di un’auto: quando è reato?

28 Settembre 2021 | Autore:
Urtare lo specchietto di un’auto: quando è reato?

La Cassazione: va punito «chi ha la piena consapevolezza del sinistro e delle sue potenzialità lesive per le persone coinvolte» ma non si ferma dopo il colpo.

Non è decisamente la tua giornata fortunata. Prima, nell’uscire da un parcheggio pubblico, mentre eri distratto ad inserire un indirizzo nel navigatore, hai preso con lo specchietto del lato destro quello di un’altra macchina. Ti è sembrato di non avere fatto danni e sei andato via. Peccato che quello che usciva dietro di te ti abbia preso il numero di targa e l’abbia lasciato nel tergicristallo dell’auto colpita. È andata decisamente peggio più tardi, quando hai preso una curva un po’ larga e hai preso anche stavolta, con il lato sinistro, lo specchietto dell’auto che arrivava in senso opposto. Pure qui ti è sembrato di non aver fatto dei danni e hai proseguito la tua corsa. Vorrà dire che controllerai più tardi se è il caso di andare più tardi dal carrozziere. Ma davvero è finita qui? Niente affatto: quello che può sembrarti un banalissimo episodio può addirittura sporcare la tua fedina penale. Allora, urtare lo specchietto di un’auto, quando è reato?

Come ha avuto modo di ribadire la Cassazione in una recente sentenza [1], l’automobilista può essere punito non tanto per il colpo allo specchietto ma per il fatto di non essersi fermato a verificare se l’urto ha provocato qualche danno a chi si trovava a bordo dell’altra macchina. Non sarebbe la prima volta, infatti, che un piccolo incidente come quello rischia di trasformarsi in tragedia o, comunque, di causare delle lesioni. Vediamo qual è il ragionamento della Suprema Corte.

Urto allo specchietto: cosa dice il Codice della strada?

Non esiste una norma che parli in modo specifico di cosa succede nell’urtare lo specchietto di un’altra auto. Ma c’è un articolo del Codice della strada, il numero 189, che parla in modo inequivocabile di quello che un automobilista deve fare quando provoca un incidente, pur banale che possa sembrare, come un piccolo tamponamento o, appunto, un colpo a uno specchietto quando si va a una certa velocità.

Dice il Codice: «L’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l’obbligo di fermarsi e di prestare l’assistenza occorrente a coloro che, eventualmente, abbiano subito danno alla persona».

Prima cosa, dunque: c’è l’obbligo di fermarsi sempre e comunque, anche quando «ci sembra» di non avere fatto dei grossi danni. Questo perché – come, infatti, precisa la norma – l’automobilista è tenuto ad assistere coloro che «eventualmente» abbiano subìto un danno. Quel «eventualmente» inserito dal Codice significa che chi si trova a bordo dell’altra macchina potrebbe o non potrebbe essersi fatto male ma che bisogna, comunque, fermarsi per verificarlo.

Più avanti si legge ancora: «Chiunque, in caso di incidente con danno alle persone, non ottempera all’obbligo di fermarsi, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Si applica la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre anni».

Urto allo specchietto: quando diventa reato?

Come abbiamo visto, il Codice prevede la reclusione per chi provoca un incidente e non si ferma a verificare se ci sono state delle conseguenze per le persone coinvolte e se hanno bisogno di assistenza. Non dice «incidente grave o «banale incidente», non usa aggettivi in questo caso la normativa. Parla di «incidente» e punto.

Ed è qui che la Cassazione ribadisce il concetto: urtare lo specchietto di un’altra auto e proseguire la corsa pensando di non avere causato un danno è reato. Lo diventa nel momento in cui si è consapevoli di avere colpito una parte di un altro veicolo ma si fa finta di niente, trascurando il fatto che, almeno in teoria, qualcuno avrebbe potuto farsi male. Si pensi, ad esempio, a chi guida d’estate con il finestrino abbassato e si vede arrivare in faccia lo specchietto in frantumi o – ancor peggio – il pezzo di vetro intero che si sgancia dal supporto. Oltre ad eventuali tagli sul viso, lo spavento può far fare al conducente qualche manovra azzardata che finisce per provocare un incidente ben più grave.

Pertanto, il reato scatta nel momento in cui chi ha provocato l’urto non si ferma, non tanto per avere colpito uno specchietto (per i danni materiali, infatti, si risponde con una sanzione amministrativa in quanto rientrano nella violazione al Codice della strada), ignorando quello che la sentenza definisce «la piena consapevolezza del sinistro e delle sue potenzialità lesive per le persone coinvolte». Non a caso, la Suprema Corte parla di «reato omissivo di pericolo, il cui elemento materiale consiste nell’allontanamento dell’agente dal luogo dell’investimento così da impedire o comunque ostacolare l’accertamento della propria identità personale, l’individuazione del veicolo investitore e la ricostruzione delle modalità dell’incidente».

In estrema sintesi: anche in caso di incidente apparentemente banale, come urtare lo specchietto di un’altra auto, è reato nel momento in cui chi l’ha provocato è consapevole del sinistro ma non si ferma, pur sapendo che, potenzialmente, può avere ferito qualcuno.


note

[1] Cass. sent. n. 35502/2021 del 27.09.2021.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube