Le bollette aumentano: a che è servito il decreto del Governo

28 Settembre 2021 | Autore:
Le bollette aumentano: a che è servito il decreto del Governo

L’Autorità per l’energia conferma: +29,8% per la luce e + 14,4% per il gas. Perché Arera ringrazia l’Esecutivo?

Nessun blocco delle bollette energetiche: dal 1° ottobre, luce e gas subiranno un rincaro, rispettivamente, del +29,8% e del +14,4%, nonostante le rassicurazioni del Governo. Ma allora, a cos’è servito il decreto approvato dal Consiglio dei ministri per fermare la stangata?

Facciamo un passo indietro. Qualche giorno fa, l’Esecutivo di Mario Draghi aveva approvato uno stanziamento da due miliardi di euro per tagliare gli oneri di sistema delle bollette, cioè per alleggerire il vero macigno delle fatture energetiche. A questi soldi si aggiungevano – e questo doveva rappresentare la vera novità – altri 480 milioni per sterilizzare l’Iva al 5% sui consumi di gas metano e ulteriori 450 milioni per rafforzare il bonus sociale. Il tutto per scongiurare aumenti annunciati a circa il 40% per l’energia elettrica e del 30% per il gas, cioè per evitare che le famiglie (soprattutto chi è in difficoltà economica o chi utilizza delle apparecchiature elettriche salvavita) pagassero uno sproposito quando arriverà l’inverno e si terrà più tempo la luce accesa. Senza dimenticare che, da qui a qualche settimana, c’è chi inizierà ad accendere il riscaldamento.

Oggi, invece, l’Autorità garante per l’energia (Arera) conferma gli aumenti, anche se ridimensionati rispetto alle previsioni: bolletta della luce in crescita del 29,8% e quella del gas in aumento del 14,4% «grazie all’intervento del Governo che ha ridotto l’impatto degli aumenti», scrive Arera in un comunicato.

«La straordinaria dinamica dei prezzi delle materie prime verso i massimi storici – si legge –, ancora in forte crescita per la ripresa delle economie dopo i ribassi dovuti alla pandemia e le difficoltà nelle filiere di approvvigionamento, e le alte quotazioni dei permessi di emissione di CO2, avrebbero portato ad un aumento superiore al 45% della bolletta dell’elettricità e di oltre il 30% di quella del gas».

Applicando ai numeri di oggi le misure varate dall’Esecutivo, valide per il prossimo trimestre, sottolinea l’Arera, «l’aumento per la famiglia tipo, che ha consumi medi di energia elettrica di 2.700 kWh all’anno e una potenza impegnata di 3 kW sarà ridotto in tutela a +29,8% per la bolletta dell’elettricità; per il gas i consumi sono di 1.400 metri cubi annui, a +14,4% (grazie anche alla riduzione dell’Iva contenuta nel decreto)».

Arera chiede, però, di guardare anche il bicchiere mezzo pieno: per oltre 3 milioni di nuclei familiari aventi diritto ai bonus di sconto per l’elettricità – scrive ancora l’Autorità nel suo comunicato – e per 2,5 milioni che fruiscono del bonus gas, in base all’Isee, gli incrementi tariffari sono stati sostanzialmente azzerati dal decreto.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube