Diritto e Fisco | Articoli

Cause condominiali: la mediazione è obbligatoria

16 Giugno 2014 | Autore:
Cause condominiali: la mediazione è obbligatoria

Scheda informativa essenziale per l’amministratore ed i condomini sulle materie per le quali, in ambito condominiale, è obbligatoria la mediazione civile prima di iniziare una causa civile.

 

Il cosiddetto decreto del Fare [1], successivamente convertito in legge [2], ha introdotto nuovamente l’obbligatorietà della mediazione civile e commerciale per una serie di materie già dettagliatamente individuate in un precedente testo normativo [3].

Fra le materie individuate vi è anche il condominio (oltre ai diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari).

Per “controversie in materia di condominio” [4] si devono intendere quelle che derivano dalla violazione o dall’errata applicazione delle disposizioni che interessano i beni comuni, la responsabilità dell’amministratore, l’impugnazione delle delibere adottate dall’assemblea condominiale, la riscossione dei contributi condominiali, la modificazione delle tabelle millesimali condominiali e la infrazione dei regolamenti condominiali.

Ogni qual volta, quindi, vi saranno controversie concernenti le materie condominiali così come appena individuate e descritte, sarà obbligatorio, prima di iniziare una causa dinanzi al magistrato competente, tentare di definire la lite ricorrendo, con il necessario supporto di un avvocato, ad un organismo privato di mediazione il quale, sulla base del ricorso di una delle parti (singolo condomino o amministratore) convocherà l’altra e tenterà, entro un termine di tempo ristretto, di conciliare le parti.

Se il tentativo fallisce, e solo in quel caso, la parte che vi ha interesse sarà libera di iniziare la causa davanti agli organi della giustizia civile.

Vi sono, però, alcune deroghe, che, per quanto inerisce alla materia condominiale, sono relative ai:

1) procedimenti di consulenza tecnica preventiva, ai fini della composizione della lite;

2) procedimenti di opposizione relativi all’esecuzione forzata;

3) procedimenti possessori, sino alla pronuncia del giudice in merito all’accoglimento o al rigetto della domanda;

4) procedimenti per ingiunzione e di opposizioni a questi, sino alla pronuncia sull’istanza di concessione o di sospensione della provvisoria esecuzione.


note

[1] Decreto Legge n. 69/2013.

[2] Legge n. 98/2013.

[3] Art. 5 del D. Lgs. 28/2010.

[4] Art. 71, quater, disp. att. cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube