Diritto e Fisco | Articoli

Uguaglianza di tutti i figli nella successione ereditaria

18 Giugno 2014 | Autore:
Uguaglianza di tutti i figli nella successione ereditaria

La recente riforma che ha visto l’equiparazione fra figli naturali e quelli nati nel matrimonio ha importanti conseguenze anche in tema di eredità.

 

Con un importante provvedimento del febbraio scorso [1] la Legge italiana ha eliminato tutte le differenze in precedenza vigenti fra i figli cosiddetti naturali, ossia quelli nati al di fuori del matrimonio, e quelli legittimi. La riforma in parola infatti ha messo sullo stesso piano tutti i figli, comunque nati, stabilendo così un rapporto di parentela, prima inesistente, tra il figlio nato fuori dal matrimonio e i parenti del suo genitore. Pertanto, anche in materia di successione ereditaria non vi sono più differenze all’interno della prole e ciascun figlio quindi diviene capace di ereditare anche dai parenti del proprio genitore.

Le novità in materia si caratterizzano innanzitutto per l’abrogazione della cosiddetta commutazione. In precedenza, infatti, una volta apertasi la successione del genitore in comune, i figli legittimi potevano soddisfare direttamente con denaro o immobili ereditari la quota spettante ai figli nati fuori dal matrimonio [2].

Questa vera e propria discriminazione ora viene meno e quindi tutti i figli, tanto legittimi quanto naturali, partecipano inderogabilmente e in pari quota alla comunione ereditaria che nasce al momento della morte del genitore.

In secondo luogo viene a modificarsi anche il fenomeno della cosiddetta rappresentazione [3], che si ha quando uno dei chiamati all’eredità del defunto è premorto a quest’ultimo oppure rifiuta la sua quota di eredità e i suoi discendenti subentrano quindi nella quota ereditaria a quest’ultimo spettante. In particolare si ha rappresentazione a favore dei discendenti in linea retta – anche adottivi – del defunto (figli, nipoti, bis nipoti e così all’infinito) e a favore dei discendenti dei fratelli o sorelle di quest’ultimo.

Ad esempio: Primo muore avendo due figli Tizio e Caio il quale ultimo ha, a propria volta, due figli Caietto e Caietta. Alla morte di Primo, supponendo che Caio sia già morto, subentrano nella quota ereditaria di questi Caietto e Caietta, nipoti di Primo. L’asse ereditario si divide perciò in una prima metà a favore di Tizietto e in una seconda metà a favore di Caietto e Caietta che quindi erediteranno un quarto ciascuno.

Similmente, se Secondo muore avendo due fratelli Filano e Mevio il quale ultimo ha, a propria volta, due figli Mevietto e Mevietta, alla morte di Secondo, supponendo che Mevio sia già morto, subentrano nella quota ereditaria di quest’ultimo Mevietto e Mevietta.

Che cosa cambia dunque con la riforma della filiazione? Facciamo un altro esempio. Supponiamo che i coniugi Mevia e Sempronio abbiano un figlio Tizio e che Sempronio abbia anche un altro figlio Caio, nato prima del matrimonio da una relazione con un’altra donna. Fino all’entrata in vigore della riforma Caio vantava rapporti di parentela esclusivamente col proprio padre naturale Sempronio mentre nei confronti del proprio fratello naturale Tizio ereditava solo nel caso in cui non vi fossero altri eredi diretti di quest’ultimo. Pertanto se fosse morto il fratello Tizio gli eventuali discendenti di Caio (ove questi fosse premorto o avesse rinunciato all’eredità del fratello) non avrebbero potuto avvalersi della rappresentazione per ereditare dallo zio.

Con la riforma invece non vi sono più limiti di questo genere, dunque i discendenti di Caio potrebbero subentrare nella quota di eredità spettante a quest’ultimo in forza della successione dello zio Tizio.

Un ulteriore caso nel quale la riforma sulla filiazione ha avuto effetti dirompenti è quello della successione fra fratelli naturali. Facciamo un esempio. Tizio e Caio hanno in comune esclusivamente il padre Tizione. Prima della riforma tra Tizio e Caio non vi erano rapporti di parentela, perciò alla morte di uno dei due fratelli l’altro non avrebbe potuto ereditare.

A questa situazione aveva posto parziale rimedio la Corte Costituzionale che, con due sentenze [4], aveva stabilito che al decesso di un fratello naturale, l’altro avrebbe potuto ereditare solo se non vi fossero stati coniuge, figli o altri parenti entro il sesto grado.

Oggi questa situazione viene superata: essendo la filiazione naturale equiparata a quella legittima i fratelli naturali divengono eredi con il loro naturale grado di parentela e non si vedono quindi più scavalcati dagli altri parenti del fratello legittimo.


A seguito della riforma della filiazione entrata in vigore lo scorso febbraio, non vi sono più distinzioni a livello ereditario tra figli nati nel matrimonio e figli nati al di fuori dello stesso. Pertanto tutti i figli, a prescindere da quali siano i loro genitori, partecipano in pari quota alla successione del loro comune genitore.

Anche nella successione tra fratelli naturali, l’equiparazione fa sì che il fratello naturale possa ereditare da quello legittimo senza vedersi scavalcato da altri parenti.

Altresì in caso di rappresentazione nella linea collaterale, ossia nel caso premuoia o rifiuti l’eredità un fratello naturale del de cuius, anche i discendenti di questi ultimi potranno subentrare nella quota di eredità spettante al loro padre sulla successione dello zio naturale.

note

[1] D.Lgs. n. 154/2013

[2] Art. 537 comma 2° cod. civ.

[3] Artt. 467 e ss. cod. civ.

[4] C. Cost. sent. nn. 55 del 4.07.1979 e 184 del 12.04.1990.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. molto interessante ma volevo chiedere una conferma. IO sono figlia legittima di madre e non di padre mamma sposa suo marito nel1969 non da il suo cognome a me i nel 71 nasce una bambina mamma muore nel 2003 e lascia unica casa che ha al 50 e 50 alle figlie ma nel 2012 il marito rivendica il suo 1/4 vedovile che gli e stat

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube