Diritto e Fisco | Articoli

Si può intercettare l’avvocato amico

19 Giugno 2014
Si può intercettare l’avvocato amico

Rileva la natura della conversazione: se professionale o meno.

La Cassazione [1], con una sentenza pubblicata ieri, ha definito i limiti entro cui è possibile l’intercettazione di una conversazione privata tra l’avvocato e il proprio cliente. Tutto ruota intorno alla natura della conversazione: se, cioè, abbia una valenza professionale (nel qual caso non sarà utilizzabile) o meno (per esempio, se l’avvocato, in quanto amico, si limiti a prestare consigli).

In particolare, la Corte ha annullato un’ordinanza del tribunale del riesame di Bari, con la quale si era esclusa la possibilità di utilizzare l’intercettazione di un colloquio captato in macchina, tra un avvocato e un suo cliente anche suo amico, i quali parlavano della separazione giudiziale di quest’ultimo.

Secondo la Cassazione il tribunale del riesame aveva estrapolato solo una parte dell’intercettazione mentre avrebbe dovuto considerarne la globalità per valutare bene se il colloquio avesse natura professionale, nell’ambito del mandato difensivo.

Questo è, quindi, il principio dettato dalla Cassazione con le regole da seguire in situazione analoghe. Nell’ipotesi che venga intercettato un colloquio fra l’indagato e un avvocato legati da uno stretto rapporto di amicizia e familiarità, il giudice, al fine di stabilire se quel colloquio sia o no utilizzabile, all’esito di un esame globale e unitario dell’intera conversazione, deve valutare:

a) se quanto detto dall’indagato sia finalizzato a ottenere consigli difensivi o non sia, piuttosto, una mera confidenza che potrebbe essere fatta a chiunque altro con cui si trovi in stretti rapporti di amicizia;

b) se quanto detto dall’avvocato sia di natura professionale (e, quindi, rientrante nell’ambito del mandato difensivo) oppure abbia una mera natura consolatoria ed “amicale” a fronte delle confidenza ricevute.


note

[1] Cass. sent. n. 26323/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube