Diritto e Fisco | Articoli

Tardiva comunicazione di risoluzione della locazione: no sanzioni

19 Giugno 2014
Tardiva comunicazione di risoluzione della locazione: no sanzioni

F23 con il pagamento dell’imposta di registro: il contribuente non deve alcunché al fisco se ha mancato di registrare la risoluzione della locazione; impossibile sanzionare l’omessa o tardiva comunicazione.

Anche se il contribuente omette o ritarda la registrazione della risoluzione del contratto di locazione (formalità che avviene attraverso F23 e pagamento dell’imposta di registro) non può essere sanzionato dal fisco. È questa l’opinione della Commissione Tributaria Provinciale di Milano [1].

L’omessa o tardiva registrazione della risoluzione non possono essere sanzionati con la tassazione di un canone di locazione inesistente, visto l’avvenuto scioglimento del rapporto negoziale: ciò che rileva, anche ai fini fiscali, è l’effettiva risoluzione del contratto sebbene sia stata comunicata tardivamente.

Nel caso di specie i giudici hanno dato ragione a un contribuente che aveva ritardato di circa tre anni dalla risoluzione della locazione il pagamento dell’F23, annullando l’avviso di liquidazione emesso dall’Agenzia delle entrate a suo carico.

I giudici hanno ritenuto che l’omissione o il ritardo nella registrazione della risoluzione non possono essere sanzionati con la tassazione di un canone di locazione in quanto quest’ultimo è inesistente, posta l’avvenuta risoluzione del contratto medesimo, sebbene comunicata tardivamente. Difatti, il mancato o il ritardato perfezionamento di detta formalità non vale ad addebitare al contribuente l’omessa dichiarazione di un canone, nella sostanza, inesistente.

Dunque, secondo la sentenza in commento, l’omessa comunicazione della risoluzione non va sanzionata, posto che il contratto, per comune accordo delle parti, è ormai risolto.

L’assenza del presupposto impositivo non legittima l’avviso di liquidazione ai fini del registro: se il contratto manca, il fisco non può tassare un canone non dovuto.


note

[1] CTP Milano, sent. n. 5301/23/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Urge la sentenza qua sopra citata, ma NON si riesce a inserire la richiesta per riceverla!!! Potete provvedere? Grz…

Rispondi a ted Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube