Diritto e Fisco | Articoli

La pianta sul confine va rimossa anche se non c’è danno

19 Giugno 2014
La pianta sul confine va rimossa anche se non c’è danno

Rispetto delle distanze: anche se non creano alcun fastidio, i rami pendenti devono essere recisi a semplice richiesta del titolare del fondo confinante.

Le piante del vicino poste a una distanza minore rispetto a quella prevista dalla legge vanno rimosse, a prescindere dall’esistenza di un’effettiva turbativa.

Lo ha detto la Cassazione con una sentenza pubblicata qualche ora fa [1].

Cosa prevede la legge sulle distanze

Chi vuol piantare alberi presso il confine deve osservare le distanze stabilite dai regolamenti e, in mancanza, dagli usi locali. Se entrambi non dicono nulla, vanno rispettate le seguenti distanze minime dal confine [2]:

1. tre metri per gli alberi di alto fusto (quelli, cioè, il cui fusto, semplice o diviso in rami, sorge ad altezza notevole, come sono i noci, i castagni, le querce, i pini, i cipressi, gli olmi, i pioppi, i platani e simili);

2. un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto (quelli, cioè, il cui fusto, sorto ad altezza non superiore a tre metri, si diffonde in rami;

3. mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo;

4. la distanza deve essere però di un metro, qualora le siepi siano di ontano, di castagno o di altre piante simili che si recidono periodicamente vicino al ceppo, e di due metri per le siepi di robinie.

La distanza si misura dalla linea del confine alla base esterna del tronco dell’albero nel tempo della piantagione, o dalla linea stessa al luogo dove fu fatta la semina.

Se le distanze non vengono rispettate

Se le piante del vicino sono poste a distanza minore di quella fissata dalla legge, il proprietario del terreno confinante può chiedere che esse vengano estirpate. E ciò a prescindere dal fatto che egli ne subisca un vero e proprio danno o una turbativa.

Lo scopo, infatti, di tali previsioni del codice è di salvaguardare il fondo in sé, indipendentemente dalle sue particolari caratteristiche o esigenze. Pertanto il compito del giudice è solo quello di verificare se vi sia o meno il rispetto della distanza prescritta dalla legge, senza potersi spingere a verificare se vi sia anche un danno causato dall’invasione delle radici e dei rami altrui.

Per cui il proprietario del fondo ha diritto di ottenere dal giudice la recisione dei rami del vicino che si protendono nella sua proprietà. Se, dunque, questo limite non viene rispettato, scatta anche il risarcimento del danno.


note

[1] Cass. sent. n. 14008/14 del 19.06.2014.

[2] Artt. 892 cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Gent.mi,
    vorrei una delucidazione a riguardo:
    il mio confinate ha piantato alberi da frutto come mandorlo – cachi – prugne – melo ecc distante dal confine a circa 1,40 – 1, 45 mt
    Potrei sapere con una certa sicurezza a quanti metri vanno piantati dal confine per legge ? Zona Foggia
    Ho già consultato anche internet.
    Vi ringrazio vivamente e aspetto una vostra risposta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube