Diritto e Fisco | Articoli

Come rintracciare un debitore

24 Dicembre 2021 | Autore:
Come rintracciare un debitore

Come trovare una persona irreperibile? Come ottenere l’indirizzo dall’ufficio anagrafe? Quando può servire l’ufficiale giudiziario?

Recuperare un credito può essere complicato, soprattutto se non si hanno più notizie del debitore. In casi del genere, ottenere ciò che spetta può essere una vera e propria impresa. Per fortuna, esistono dei modi per scovare le persone che si sono rese irreperibili. Con questo articolo vedremo per l’appunto come rintracciare un debitore.

Come diremo nel prosieguo, ci sono alcune indagini che il creditore può fare senza neanche avvalersi di un avvocato: è il caso, ad esempio, della richiesta dell’indirizzo di residenza presso il Comune, che può essere avanzata da qualunque cittadino. Le cose cambiano quando occorre fare ricerche più approfondite: in questo caso, occorre avvalersi di soggetti qualificati che, grazie al lavoro che svolgono, posso aiutare a scoprire dove si nasconde una persona. Se l’argomento ti interessa, prosegui nella lettura: vedremo insieme come rintracciare un debitore.

Rintracciare un debitore all’ufficio anagrafe

La prima cosa che bisogna fare per tentare di rintracciare un debitore è rivolgersi all’ufficio anagrafe del Comune ove si ritiene che il soggetto risieda oppure ove abbia risieduto in passato. Gli esiti possono essere due:

  • se il debitore è ancora residente presso il Comune cui ci si è rivolti, allora l’ufficio rilascerà l’indirizzo;
  • se il debitore non è più residente nel Comune, allora l’ufficio anagrafe indicherà quello diverso in cui è emigrato. In questo caso, bisognerà fare nuova richiesta al Comune di residenza per ottenere l’indirizzo.

Anagrafe unica della popolazione residente: cos’è?

Da qualche anno, in molti Comuni d’Italia, è operativa l’Anagrafe unica della popolazione residente (Anpr): si tratta di una sola anagrafe a livello nazionale contenente le informazioni di migliaia di anagrafi comunali.

Il vantaggio dell’Anagrafe unica è evidente anche per chi voglia rintracciare un debitore: è infatti possibile reperire informazioni su qualunque cittadino, senza bisogno di recarsi presso il suo Comune di residenza.

In altre parole, il creditore che cerca l’indirizzo del debitore può recarsi direttamente presso l’ufficio anagrafe del proprio Comune e chiedere le informazioni di cui ha bisogno: grazie all’Anagrafe unica, infatti, è possibile richiedere certificati anagrafici in tutti i Comuni, in quanto il portale che si consulta è unico.

Così facendo, il creditore potrebbe ottenere l’indirizzo del debitore anche dal Comune diverso da quello in cui il debitore risiede.

Ufficiale giudiziario per rintracciare un debitore

Un buon modo per rintracciare un debitore è quello di affidarsi a un ufficiale giudiziario.

L’ufficiale giudiziario è un funzionario della Pubblica Amministrazione italiana a cui è affidato il compito di eseguire materialmente i provvedimenti decisori del giudice, qualora questi non vengano rispettati ed eseguiti spontaneamente dai soggetti destinatari.

Classico è il caso dell’ufficiale giudiziario che deve eseguire uno sfratto, intimando all’inquilino di lasciare l’immobile. In ipotesi del genere, l’ufficiale può anche avvalersi dell’ausilio delle forze dell’ordine per eseguire coattivamente il comando.

L’ufficiale giudiziario svolge tuttavia anche altre funzioni, come ad esempio la notificazione di atti stragiudiziali, come diffide e messe in mora. È proprio in questi casi che è possibile avvalersi dell’ufficiale giudiziario per rintracciare un debitore.

Come spiegato nell’articolo Come notificare con ufficiale giudiziario, il creditore può decidere di inviare una formale diffida di pagamento al proprio debitore mediante il servizio di notificazione degli ufficiali giudiziari. In tal caso, dovrà recarsi presso l’Ufficio notificazioni, esecuzione e protesti (Unep), presente presso le sedi dei tribunali e delle corti d’appello.

Chiedendo la notifica a mani, l’ufficiale giudiziario dovrà recarsi personalmente presso l’indirizzo indicato dal creditore per tentare la consegna. Nel caso in cui all’indirizzo riportato non risulti che il debitore sia residente, allora l’ufficiale è tenuto a effettuare le ricerche opportune presso l’ufficio anagrafe del Comune al fine di reperire il destinatario.

In pratica, è possibile avvalersi della notifica a mezzo ufficiali giudiziari per rintracciare il debitore quando si è a conoscenza di un vecchio indirizzo: così facendo, l’ufficiale, prima di dichiarare l’irreperibilità, dovrà attivarsi per effettuare le dovute ricerche, potendo peraltro apprendere notizie in qualsiasi modo, anche chiedendo ai vicini.

Secondo la Corte di Cassazione [1], l’ufficiale giudiziario deve svolgere ogni ricerca, anche presso l’anagrafe, tesa ad accertare l’irreperibilità, dandone atto nella relata di notifica.

Si badi: questo modo di rintracciare un debitore può essere impiegato solo per verifiche su un determinato territorio, visto che l’ufficiale giudiziario è tenuto alla notifica a mani solamente nell’ambito dei Comuni sui quali è competente il tribunale presso cui ha la sede l’Unep. Per le notifiche al di fuori di tale territorio, l’ufficiale giudiziario si avvale dell’ordinario servizio postale.

Agenzie investigative per rintracciare un debitore

Per rintracciare un debitore è possibile rivolgersi presso apposite agenzie investigative che si occupano di compiere indagini di questo tipo. È ovviamente opportuno riferire le generalità del soggetto da reperire e, se possibile, l’ultima residenza nota. Alcune agenzie chiedono anche i nominativi dei parenti del debitore.

Il rintraccio dei debitori da parte delle agenzie avviene reperendo informazioni presso l’ufficio anagrafe del Comune (come visto nel primo paragrafo), il vecchio datore di lavoro, amici e parenti vari.

Molte agenzie cercano di risalire all’attuale residenza del debitore mediante visure immobiliari oppure al conto corrente e agli altri rapporti bancari e/o postali dai quali desumere ove si trovi il soggetto.


note

[1] Cass., ord. n. 8638/2017.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube