Diritto e Fisco | Articoli

Che significa prelievo non disponibile?

30 Dicembre 2021 | Autore:
Che significa prelievo non disponibile?

I problemi che si presentano allo sportello Atm della banca: il limite massimo giornaliero di contanti o il problema tecnico. Cosa fare?

Certe cose capitano nei momenti più inopportuni. Come la volta che hai bisogno di contanti e ti affidi al Bancomat sapendo che in pochi minuti avrai rimpinguato il portafoglio vuoto. Peccato, però, che il monito dello sportello Atm ti mostra un messaggio che ti lascia a bocca aperta: «Prelievo non disponibile». Naturalmente, non ti succede un giorno in settimana, alle 11 del mattino, quando la banca è aperta e si può entrare a chiedere qualche spiegazione. No: questa scena avverrà sicuramente un sabato pomeriggio o una domenica, quando sarai costretto ad aspettare che la banca apra lunedì mattina o a chiamare il numero verde. C’è la possibilità di chiedere a qualcuno di prestarti un po’ di soldi, certo, ma è sempre antipatico. Che cosa avrà voluto dirti lo sportello automatico con quel messaggio? Che significa prelievo non disponibile?

L’utente resta ancora più stupito pensando che i soldi sul conto corrente ci sono, di questo è sicuro. Quindi, delle due una: l’Atm è andato in tilt o la tessera ha qualche problema. Forse si è smagnetizzata? Forse è scaduta? Non è che l’hanno clonata e si sono fregati tutti i soldi? Vediamo cosa significa prelievo non disponibile.

Prelievo non disponibile per il limite giornaliero

Chi possiede un Bancomat non può prelevare allo sportello Atm tutto quello che vuole in una sola giornata. Esistono, infatti, dei massimali, cioè dei limiti che ogni banca stabilisce a seconda delle proprie regole e che non possono essere superati. Raggiunta quella soglia, non sarà possibile ritirare altri contanti fino al giorno dopo. Tenendo comunque conto del fatto che esiste anche un massimale mensile, fissato pure questo dalla banca.

Di norma, i massimali giornalieri vanno dai 250 ai 500 euro, a seconda di quello che stabilisce l’istituto di credito e dell’accordo che ha con il cliente. Ad esempio, alcune banche danno la possibilità a chi ha un limite di 250 euro al giorno di alzarlo a 500 euro. In questo caso, però, occorrerà fare due operazioni: lo sportello, infatti, eroga un massimo di 250 euro per volta.

Quindi, uno dei motivi per cui ti trovi di fronte ad un prelievo non disponibile può essere proprio questo: hai raggiunto il limite giornaliero o mensile fissato con la banca e dovrai attendere il giorno o il mese successivo per ritirare di nuovo i contanti.

Prelievo non disponibile per Bancomat clonato

Può capitare, però, che il prelievo non sia disponibile perché hai raggiunto il limite giornaliero pur non avendo effettuato una sola operazione. Questo significa, molto probabilmente, che il tuo Bancomat è stato clonato e che qualcuno abbia ritirato dei soldi dal tuo conto con la tua carta di debito «gemella».

Due le cose da fare al più presto in questo caso. La prima, controllare i movimenti sul tuo conto corrente tramite il servizio di home banking, nel caso in cui lo sportello fisico della banca fosse chiuso (altrimenti, conviene entrare e fare la verifica con l’operatore). Se vedi che sono stati fatti dei prelievi non autorizzati da te, devi chiedere alla tua banca o al numero verde che trovi sullo sportello automatico di bloccare la carta e andare a fare la denuncia alle forze dell’ordine (Polizia o Carabinieri) in modo da poter chiedere successivamente il rimborso di quanto è stato prelevato senza il tuo consenso.

Prelievo non disponibile per problemi allo sportello

Mai escludere un problema tecnico. Se il prelievo non è disponibile può darsi che lo sportello non funzioni o l’erogazione sia momentaneamente sospesa perché il «distributore di banconote» ha bisogno di manutenzione.

In tal caso, togliersi il dubbio è molto semplice: basterà cercare un altro sportello Atm nei paraggi e verificare se si riesce ad effettuare il prelievo. Se nemmeno così riesci a ritirare i soldi, significa che il problema è della tua carta (magari per una delle situazioni che abbiamo visto sopra) e non dello sportello.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube