Diritto e Fisco | Articoli

Come si fa un bonifico bancario o postale senza conto corrente?

1 Gennaio 2022 | Autore:
Come si fa un bonifico bancario o postale senza conto corrente?

Bonifico per cassa e tramite carta prepagata con Iban: come disporre un pagamento senza essere correntista?

Oggigiorno, è sempre più raro pagare in contanti e sempre più frequente il pagamento mediante strumenti alternativi, come ad esempio carte di credito, assegni e bonifici. Si tratta di mezzi che hanno l’enorme vantaggio di rendere sicure le transazioni e di proteggere dai furti: anche se si rubasse una carta di credito o una prepagata, infatti, non la si potrebbe utilizzare senza conoscere le credenziali. Con questo articolo vedremo come si fa un bonifico bancario o postale senza conto corrente.

Come diremo nel prosieguo, per effettuare un pagamento alle coordinate Iban del destinatario non occorre necessariamente essere titolari di un conto, bancario o postale che sia. È infatti possibile recarsi presso un istituto di credito e chiedere di fare un bonifico versando direttamente i soldi in contanti. Ma sono solo: grazie alle carte prepagate dotate di Iban è possibile effettuare bonifici semplicemente ricaricando la propria carta. Se l’argomento ti interessa e vuoi saperne di più, prosegui nella lettura: vedremo insieme come si fa un bonifico bancario o postale senza conto corrente.

Bonifico: cos’è?

Il bonifico è un’operazione che consente il trasferimento di denaro. In altre parole, si tratta di un metodo di pagamento.

Tradizionalmente riferito alle banche, con l’avvento delle carte prepagate munite di codice Iban e la possibilità di effettuare transazioni anche attraverso i servizi messi a disposizione delle Poste italiane, oggi possiamo tranquillamente affermare che il bonifico è un’operazione che consente il trasferimento di denaro anche in assenza di un conto corrente e per mezzo delle poste.

Codice Iban: cos’è?

Non si può effettuare un bonifico se non si conosce l’Iban del destinatario del pagamento. L’Iban (acronimo che sta per International Bank Account Number) non è altro che un codice costituito da 27 caratteri che si riferisce alle coordinate bancarie o postali.

Conoscendo il codice Iban, si possono inviare bonifici indirizzati a beneficiari con conti in Italia e all’estero: ciò che occorre fare è semplicemente inserire le coordinate nell’apposito spazio, insieme alla causale del versamento ed i dati di chi lo riceve.

L’Iban consente non solo di fare, ma anche di ricevere bonifici, nonché accrediti direttamente sul proprio conto, come lo stipendio e la pensione.

Come già ricordato, perfino alcune carte prepagate posseggono il codice Iban, stampato sulla facciata principale della tessera. È il caso ad esempio della nota Postepay Evolution.

Conto corrente: cos’è e a cosa serve?

Il conto corrente è uno strumento che indica generalmente il deposito di denaro da parte del titolare del medesimo conto, comunemente detto correntista, all’interno di un istituto di credito, e che consente l’utilizzo di moneta bancaria, cioè della moneta elettronica.

Con il conto corrente, in pratica, una persona apre una specie di fondo ove colloca il proprio denaro; così facendo, il titolare può gestire tutti i suoi affari (entrate e uscite, incassi e pagamenti) attraverso quel conto, compiendo operazioni sia attive che passive.

Va detto che il conto corrente è un contratto a tutti gli effetti, con benefici, costi e vincoli. Ciò è molto importante per comprendere perché la banca può rifiutare l’apertura di un conto.

Il conto corrente presenta notevoli vantaggi:

  • i soldi che sono depositati sul conto sono al sicuro, nel senso che è praticamente impossibile che vengano rubati;
  • tramite le domiciliazioni bancarie è possibile pagare direttamente le utenze senza doversi recare ogni volta allo sportello, in quanto il prelievo avviene automaticamente;
  • è possibile che lo stipendio venga accreditato direttamente sul conto;
  • consente di effettuare pagamenti mediante bonifico;
  • consente di pagare mediante carte di credito collegate direttamente al conto corrente.

Bonifico senza conto corrente: si può fare?

È possibile effettuare un bonifico a favore di un’altra persona anche non avendo il conto corrente. Esistono essenzialmente due modi per poter compiere un’operazione del genere:

  • recandosi presso un istituto di credito (banca o poste) e, pur non avendo un proprio conto, versando il danaro allo sportello, chiedendo che lo stesso venga trasferito mediante bonifico ad altra persona. Si tratta del cosiddetto bonifico per cassa;
  • avvalendosi di una carta prepagata munita di codice Iban.

Bonifico per cassa: cos’è e come si fa?

Chi vuole effettuare un bonifico bancario o postale senza conto corrente può recarsi presso l’istituto di credito e chiedere di effettuare un bonifico versando direttamente allo sportello i soldi necessari. Si tratta del bonifico per cassa o bonifico in contanti. Per fare ciò, occorre compilare un apposito modulo (rilasciato direttamente dalla banca o dalle poste) ove bisogna indicare le generalità di chi effettua il pagamento, quelle del beneficiario, l’Iban di quest’ultimo, l’importo e la causale, cioè il motivo che giustifica il pagamento.

Fatto ciò, si consegna il modulo allo sportello e si versano in contanti i soldi occorrenti ad effettuare il bonifico. All’istituto di credito spetta una commissione (in genere, intorno ai 5 euro).

A seguito dell’operazione viene rilasciata una ricevuta (distinta di pagamento) che attesta l’avvenuto bonifico.

Bonifico senza conto corrente con carta prepagata: come si fa?

È possibile fare un bonifico bancario o postale senza conto corrente avvalendosi di una delle tante carte prepagate fornite di codice Iban.

Effettuare l’operazione è semplicissimo. Innanzitutto, occorre caricare la propria carta con il denaro sufficiente a fare il pagamento. Dopodiché, per effettuare un bonifico si può:

  • andare presso l’istituto di credito che ha emesso la carta prepagata, portare con sé la tessera e disporre il bonifico allo sportello;
  • disporre l’operazione online, accedendo alla propria pagina personale. Nel caso di bonifico con carta Postepay Evolution, è sufficiente effettuare il login sul sito delle Poste Italiane, aprire il menu a tendina, posizionarsi su Ricariche e pagamenti e selezionare la voce Bonifico Sepa. Il costo del bonifico online è di 1 euro;
  • disporre il pagamento direttamente da smartphone o tablet mediante apposita App. La procedura è praticamente la stessa di quella vista per il bonifico online.

È possibile effettuare un bonifico a favore di un’altra persona anche non avendo il conto corrente. Esistono essenzialmente due modi per poter compiere un’operazione del genere: mediante bonifico per cassa; avvalendosi di una carta prepagata munita di codice iban.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube