Diritto e Fisco | Articoli

Come segnalare e denunciare una strada dissestata

4 Gennaio 2022 | Autore:
Come segnalare e denunciare una strada dissestata

Se il manto stradale non si presenta uniforme e c’è una situazione di pericolo, il cittadino può inviare una raccomandata a/r o una pec all’ente proprietario o gestore della strada. Può anche inoltrare la segnalazione online.

Molti degli incidenti nei quali, quotidianamente, rimangono coinvolti gli automobilisti, i motociclisti, i ciclisti e i pedoni sono causati dalla cattiva manutenzione delle strade. Buche più o meno grandi, asfalti dissestati o resi scivolosi dalle piogge o dal gelo, dossi e cunette sono solo alcuni dei pericoli nei quali possono incorrere i conducenti dei veicoli e coloro che camminano a piedi per le vie. Anche la scarsa o inesistente illuminazione oppure una segnaletica non idonea possono provocare non pochi incidenti agli utenti delle strade. Quindi, per evitare fori alle ruote, problemi al motore o alle sospensioni, distorsioni alle caviglie, ecc. come segnalare e denunciare una strada dissestata?

Innanzitutto, bisogna sapere che è l’ente proprietario o gestore della strada a dover vigilare sullo stato del manto stradale al fine di prevenire e ridurre eventuali danni a cose e a persone. Quindi, è a quest’ultimo che va inoltrata la segnalazione. Infatti, la legge n. 241/1990, nota anche come “legge sulla trasparenza”, sancisce il diritto di ogni cittadino di segnalare un’anomalia o un disservizio direttamente all’ente gestore. Prevede anche l’apertura di un procedimento amministrativo del cui esito il cittadino deve essere espressamente informato.

Com’è regolamentata la materia delle insidie stradali?

Con il termine di insidia stradale devono intendersi quei pericoli nascosti presenti sul suolo in cui possono incappare gli utenti delle strade. Pertanto, una strada dissestata può rappresentare un’insidia.

La materia delle insidie stradali è regolamentata da specifiche norme. In base all’articolo 2043 del Codice civile l’ente proprietario o gestore della strada – ad esempio il Comune, la Provincia, l’Anas, ecc. – deve provvedere alla manutenzione del manto stradale.

Inoltre, in base all’articolo 2051 del Codice civile il cittadino può contestare all’ente gestore o proprietario della strada, il danno cagionato da cose in custodia. Ciò in quanto le strade sono beni collettivi che devono essere curati dai proprietari e dai gestori per prevenire qualsivoglia tipologia di danno agli utenti, salvo che si provi il caso fortuito. L’ente, infatti, non risponde dell’insidia se la stessa è stata provocata da un evento imprevedibile ed improvviso, determinato da fattori esterni non riconducibili ad una sua colpa. Negli altri casi, invece, l’ente è responsabile dei danni cagionati ed è tenuto al risarcimento.

Facciamo un esempio.

Mentre sta percorrendo una via della sua città alla guida di uno scooter, Tizio cade rovinosamente a terra a causa di una grossa buca presente sull’asfalto. Se il Comune ha provveduto a posizionare i cartelli per segnalare la strada dissestata ma Tizio non li ha notati, non potrà richiedere il risarcimento dei danni. Invece, se i segnali non sono stati apposti, Tizio potrà richiedere il risarcimento delle eventuali lesioni riportate e dei danni subìti dallo scooter. Se, poi, la buca si apre improvvisamente a causa dello smottamento proprio mentre Tizio sta passando, anche in questo caso il Comune non sarà responsabile, a meno che il pericolo era stato più volte segnalato.

Come segnalare e denunciare una strada dissestata

Per segnalare e denunciare una strada dissestata il soggetto che ha riportato danni a causa dell’insidia o qualsiasi altro soggetto interessato, deve inviare una raccomandata a/r o una pec al proprietario/gestore della strada. Nella segnalazione, deve riportare i suoi dati, quindi:

  • il nome;
  • il cognome;
  • l’indirizzo;
  • il recapito telefonico.

Inoltre, il soggetto deve indicare esattamente il luogo ove si trova strada dissestata, con l’eventuale numero civico oppure con riferimenti delle vicinanze.

Alcune amministrazioni mettono a disposizione dei cittadini un modulo da utilizzare per inoltrare una segnalazione per strada dissestata contemporaneamente al sindaco del Comune interessato, al comando della polizia municipale, al Prefetto e al Presidente della Provincia di riferimento

A seguito della presentazione della denuncia, si avvia un procedimento amministrativo per cui l’ente deve fornire una risposta entro 30 giorni, indicando come intende procedere, fornendo un riscontro esauriente al quesito oppure motivando l’eventuale rigetto dell’istanza.

Se l’ente non dovesse rispondere nel predetto termine, l’interessato può presentare un sollecito.

L’intero procedimento amministrativo deve essere affidato ad un responsabile che, nel caso di una risposta non fornita, andrà incontro a responsabilità penale.

In alternativa, la segnalazione può essere effettuata tramite il portale Decorourbano.org creato apposta per denunciare i disservizi e le anomalie presenti sul territorio nazionale. Per accedere al servizio bisogna registrarsi e segnalare le criticità.

Grazie al sito e alle app, scaricabili su smartphone e tablet, il cittadino può segnalare una strada pericolosa in maniera chiara ed esatta, sfruttando anche il posizionamento satellitare se la segnalazione avviene da terminale portatile.

I Comuni, se registrati al servizio, possono monitorare graficamente il territorio e recepire le segnalazioni, che riguardano tutti gli aspetti dei servizi urbani, dalle strade dissestate agli atti vandalici, dalla raccolta dei rifiuti alle affissioni pubblicitarie abusive.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube