Business | Articoli

Licenziamenti: obbligo per il datore di comunicare la conciliazione

31 Maggio 2015
Licenziamenti: obbligo per il datore di comunicare la conciliazione

Jobs act: scatta l’obbligo di comunicare se è stata attivata la procedura dopo il licenziamento.

Con l’entrate in vigore, a partire dal primo giugno prossimo, della nuova normativa del Job Act [1], il datori di lavoro, che vogliano procedere al licenziamento di uno o più dipendenti, saranno tenuti a comunicare se è stata effettuata la procedura di conciliazione. Ciò varrà, comunque, solo per quei lavoratori assunti con il contratto a tutele crescenti. Tale previsione si aggiunge all’onere, già esistente, di invio della comunicazione obbligatoria di cessazione del rapporto di lavoro [2] da effettuarsi entro 5 giorni dalla stessa.

Con un recente provvedimento del Ministero del Lavoro [3] sono state fornite indicazioni operative in merito al nuovo obbligo: l’inoltro di una comunicazione deve avvenire entro 65 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, al fine di indicare se la nuova conciliazione è avvenuta o meno.

La conciliazione consiste nell’offerta al lavoratore presso una sede protetta (da effettuarsi entro 60 giorni dal recesso) di un importo predeterminato, a mezzo assegno circolare: se il dipendente lo accetta rinuncia all’impugnativa del licenziamento, anche qualora l’avesse già proposta.

Come detto, la nuova previsione riguarda solo i lavoratori assunti con il contratto di lavoro a tutele crescenti: si tratta, cioè, di quelli con un contratto a tempo indeterminato dal 7 marzo 2015, lavoratori a tempo determinato stabilizzati e apprendisti confermati in servizio al termine del periodo di formazione, sempre dalla medesima data. A questi si aggiungono i lavoratori in forza presso aziende che – sempre a partire dalla stessa data – sforano il limite dei 15 dipendenti [4].

Dal punto di vista operativo è stato introdotto il format denominato “Unilav_Conciliazione”, compilabile nella sezione “Adempimenti” del portale Cliclavoro. I datori o gli intermediari che non fossero già registrati devono prima effettuare questo passaggio.

Il mancato invio della comunicazione è sanzionato con un importo da 100 a 500 euro, comunque diffidabile entro 30 giorni dalla data di notificazione del verbale di accertamento in misura pari a 100 euro.


note

[1] Dlgs 23/2015.

[2] Dlgs 181/2000.

[3] Min. Lavoro, nota direttoriale n. 2788 del 27.05.2015.

[4] Individuato ai sensi dell’art. 18 L. 300/1970.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube