Diritto e Fisco | Articoli

Ferire con la pistola i ladri ancora lontani dall’abitazione è tentato omicidio

25 Gennaio 2012
Ferire con la pistola i ladri ancora lontani dall’abitazione è tentato omicidio

La mancanza di pericolo attuale esclude la legittima difesa: tentato omicidio per chi spara per paura ai ladri senza essere effettivamente in pericolo.

Sparare dal proprio balcone di casa con l’intenzione di uccidere o colpire i ladri che si aggirano nella zona è reato.

La Corte di Cassazione è arrivata a questa conclusione [1] decidendo il caso di un soggetto che aveva sparato, dal balcone della propria casa, in direzione di due ladri, ferendo gravemente uno dei due. I ladri stavano rubando il carburante da alcuni automezzi parcheggiati accanto a un cantiere.

La Suprema Corte ha stabilito che tale condotta non rientra nei casi di legittima difesa o eccesso colposo [2]. Agire al solo scopo di spaventare, se non vi è un pericolo attuale nei confronti di colui che intende difendersi, costituisce reato.

Più in particolare, tale condotta rientra nel reato di “tentato omicidio”, per il quale è prevista la pena detentiva [3].

Nel caso di specie, infatti, il proprietario dell’immobile aveva agito solo per paura, in quanto nessuno dei suoi diritti era stato effettivamente sottoposto ad una minaccia ingiusta e i ladri non erano entrati nella sua proprietà.

La reazione, oltre a non essere necessaria non è stata proporzionata [4] rispetto all’offesa effettivamente arrecata dagli estranei.

 

 



note

[1] Cass. sent. n. 1617/2011

[2] Art. 55 c.p.: L’eccesso colposo si verifica quando pur esistendo i requisiti di una causa di giustificazione come la legittima difesa, l’agente per colpa (oppure involontariamente) ne travalica i limiti. Ad es: chi, aggredito, uccide pur essendo sufficiente percuotere per difendersi.

[3] Art. 56 c.p., 2 co.

[4] Art. 52 c.p.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube