Diritto e Fisco | Articoli

Domanda riconvenzionale senza mediazione

23 Giugno 2014
Domanda riconvenzionale senza mediazione

Procedura civile: non va tentata la conciliazione prima di proseguire il giudizio.

La domanda riconvenzionale non richiede la procedura di mediazione. Lo ha ribadito il tribunale di Reggio Calabria con una recente ordinanza [1].

 

La vicenda

La pronuncia è scaturita da un giudizio di divisione di un immobile caduto in successione, in cui uno dei convenuti aveva proposto domanda riconvenzionale per ottenere il riconoscimento del diritto di abitazione sul bene. La parte che aveva promosso l’azione di divisione aveva eccepito l’inammissibilità di questa domanda perché introduceva una nuova azione e non era stata preceduta dalla procedura di mediazione obbligatoria.

Il giudice reggino respinge questa eccezione ed esclude anche che sorga in capo a lui l’obbligo di invitare la parte ad attivare la mediazione, perché ritiene che questo obbligo non si possa estendere alle domande riconvenzionali sollevate dal convenuto o dai terzi nel corso del procedimento.

Il tribunale di Reggio Calabria richiama anche una pronuncia del tribunale di Palermo, sezione distaccata di Bagheria [2], che era giunta ad analoghe conclusioni.

La legge [3] impone di tentare la mediazione a chiunque intenda esercitare in giudizio un’azione; la norma, quindi, non distingue tra domanda principale e domanda riconvenzionale. Tuttavia, secondo il tribunale calabrese, questa norma va interpretata in conformità alla sua ratio e in armonia con i principi della ragionevole durata del processo e dell’efficienza ed effettività della tutela giurisdizionale.

Pertanto, quando un giudizio è stato già promosso e viene avanzata una domanda riconvenzionale, l’obbligo di preventiva mediazione non potrebbe sortire il suo scopo prioritario, cioè quello di evitare che si instauri un processo. Anche se si inducesse il convenuto, attore in riconvenzione, a procedere alla mediazione ed essa avesse un effetto positivo rispetto alla questione dedotta, la domanda principale non verrebbe comunque meno e il processo dovrebbe proseguire.

Inoltre, la mediazione allungherebbe inutilmente il giudizio, tanto più che la domanda principale dovrebbe già essere stata, a sua volta, preceduta da un tentativo di mediazione, evidentemente fallito.

Infine, il tribunale ricorda un dato testuale che conferma la non obbligatorietà della mediazione per le domande riconvenzionali. Infatti, la legge [3] dà facoltà al solo convenuto di eccepire il mancato tentativo di mediazione; e il convenuto è chi viene citato in giudizio e non chi, dopo avere promosso un’azione, sia a sua volta destinatario di una domanda, collegata a quella originaria.

D’altronde, se anche le domande riconvenzionali proposte all’interno di un giudizio promosso da chi ha già esperito senza esito positivo una procedura di mediazione, dovessero essere obbligatoriamente precedute da un’ulteriore procedura di mediazione, si creerebbero delle cause di sospensione obbligatoria del processo, senza alcuna possibilità per il giudice di verificare l’eventuale scopo dilatorio dell’azione del convenuto o del terzo.


note

[1] Trib. Reggio Calabria, ord. del 22.04.2014.

[2] Trib. Paler,o, sent. dell’11.07.2011.

[3] Art. 5 del decreto legislativo 28/2010.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube