Diritto e Fisco | Articoli

Schiamazzi notturni: quando chiamare i Carabinieri?

30 Ottobre 2021
Schiamazzi notturni: quando chiamare i Carabinieri?

Il locale al piano terra è spesso frequentato da avventori che urlano e fanno baldoria fino a tardi. Nel condominio ci abito solo io. Posso chiamare i Carabinieri?

Sicuramente, è possibile chiamare i Carabinieri in casi simili al suo, ma il loro intervento è utile a condizione che il disturbo sia tale per un numero consistente di persone. Infatti, solo se i rumori recano disturbo ad un numero rilevante di persone si verifica il reato di “disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone” previsto dall’articolo 659 del Codice penale e solo allora ha senso chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine.

I Carabinieri (o la Polizia di Stato o la Polizia Locale) chiamati ad intervenire, stileranno un verbale relativamente al loro intervento il quale (insieme alla loro testimonianza diretta) potrà essere utilizzato nel corso del procedimento penale anche a carico dei gestori del locale (procedimento penale che sarà avviato a condizione, mi ripeto, che le molestie provocate dai rumori abbiano disturbato in concreto un numero rilevante di soggetti).

Se, invece, i rumori che denuncia disturbano solo lei, l’intervento dei Carabinieri al massimo potrà essere utile per farli cessare durante la serata e nella nottata dell’intervento, ma il problema non sarà risolto per il futuro (poiché se i rumori disturbano solo una o due persone, il reato non esiste e non viene avviato un procedimento penale a carico dei gestori del locale).

Stando così le cose, lei può valutare se la chiamata al 112 può esserle davvero utile.

In alternativa, c’è la possibilità di avviare una causa civile per far cessare i rumori (ai sensi dell’articolo 844 del Codice civile). In questo caso, dovrà affidarsi ad un legale che dovrà citare in giudizio i gestori per ottenere (dopo aver dimostrato al giudice l’esistenza dei rumori e la loro intollerabilità) la sentenza di condanna alla cessazione delle molestie (imponendo anche l’insonorizzazione dei locali).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube