Diritto e Fisco | Articoli

Testamento: dove va messa la firma? Alla fine o a margine?

23 Giugno 2014
Testamento: dove va messa la firma? Alla fine o a margine?

Testamento olografo: se il foglio non basta, per la sottoscrizione del testatore basta uno spazio libero.

Se, sul testamento, alla fine del foglio, manca lo spazio per porre la firma, il testatore può metterla anche a lato o in altra parte: ciò, infatti, non rende invalido il testamento olografo.

È quanto chiarito dalla Cassazione con una sentenza di un paio di giorni fa [1].

La firma “in calce”, cioè all’estremità del foglio, non è sempre, quindi, elemento indispensabile per rendere valide le ultime volontà. Qualora, infatti, il testo occupi interamente le pagine del documento, le ultime righe dello stesso, con la relativa firma del testatore, possono essere messe in un altro spazio, come – per esempio – a lato del foglio (in prosecuzione dell’ultimo rigo) o con un segno di rimando all’inizio del foglio stesso, all’inizio del testo complessivo.

Nella stessa sentenza, la Suprema Corte afferma un altro importante principio: perché una dichiarazione scritta possa valere come testamento non è necessario che essa sia intestata come “testamento” o con formule simili. Anche una lettera privata, infatti, rivolta ai propri figli, potrebbe valere come ultime volontà. L’importante, ovviamente, è che dal testo si evinca chiaramente la volontà del soggetto.

Affinché, infatti, si abbia un testamento è necessario soltanto che lo scritto contenga la manifestazione di una volontà definitiva dell’autore, nel senso che essa si sia compiutamente ed incondizionatamente formata e manifestata e sia diretta a disporre attualmente, in tutto o in parte, dei propri beni per il tempo successivo alla propria morte.

Si tratta, comunque, di valutazioni che, in caso di contestazioni tra le parti, vengono effettuate dal giudice di primo grado.


note

[1] Cass. sent. n. 14119/14 del 20.01.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube