Diritto e Fisco | Articoli

Le auto a metano sono veramente green?

10 Gennaio 2022 | Autore:
Le auto a metano sono veramente green?

Inquina di più o di meno il gas naturale rispetto alla benzina o al diesel? Dipende dai punti di vista. Ecco pro e contro secondo gli esperti.

Il mondo si evolve sempre di più (o, almeno, ci prova) verso le scelte ecologiche. Ogni giorno, piovono messaggi in questa direzione: occorre fare qualcosa per salvare l’ambiente prima che sia l’ambiente stesso a distruggerci. Il mercato automobilistico, da tempo, tenta di adottare questa linea di pensiero, anche per le spinte e i vincoli che arrivano dalle leggi nazionali e sovranazionali. Anni fa, la benzina «Super» (che l’attuale generazione praticamente nemmeno ha conosciuto) fu sostituita con la benzina «verde», meno inquinante secondo i parametri. Si cerca di scoraggiare l’uso del diesel nelle città con limitazioni alla circolazione dei veicoli a gasolio. Come alternativa, vengono proposte le macchine elettriche o a gas, che si tratti di Gpl o di metano. Ma le auto a metano sono veramente green? O si tratta di un mito da sfatare?

Purtroppo, i dati che emergono da alcuni studi realizzati su questa materia sono poco incoraggianti. In particolare, l’ultimo rapporto dell’organizzazione Transport & Environment, con sede a Bruxelles, che da oltre 30 anni si occupa di questioni ambientali, lascia poco da intuire: sulla base di alcuni test effettuati su una ventina di modelli, si è giunti alla conclusione che non solo le auto a metano non sono così green come si pensa ma possono essere addirittura più inquinanti dei motori diesel e benzina. Vediamo perché.

I vantaggi di un’auto a metano per l’ambiente

In linea teorica, il metano è il carburante più pulito tra quelli attualmente esistenti, lasciando da parte le macchine elettriche.

Sulla carta, secondo le stime, la combustione del metano (lo stesso gas che arriva nelle case degli italiani per cucinare o per far andare le caldaie) genera il 20% in meno di CO2 rispetto alla benzina. Non libera nell’aria il tristemente famoso particolato (il PM10) per colpa del quale ogni tanto sono state chiuse al traffico alcune città o sono state adottate altre misure di contenimento come le targhe alterne.

Il metano è anche esente dal cosiddetto black carbon, il PM2,5, dal piombo e da idrocarburi policiclici aromatici. Rispetto alla benzina, sostengono alcuni studiosi, la percentuale di ossidi di azoto NOx) contenuta nel metano non supera il 72% contro il 95% di una macchina a gasolio. Ha un solo atomo di carbonio, contro i 2-4 atomi degli idrocarburi del Gpl e i 5-18 di benzina e diesel.

Altro risvolto positivo per l’ambiente è il fatto che, a differenza degli altri carburanti, non deve essere raffinato e trasportato su gomma fino ai distributori, con il conseguente ulteriore inquinamento: il gas, una volta estratto, viene immesso nei metanodotti attraverso i quali arriva sia a casa sia al distributore.

C’è, poi, la questione legata alla sicurezza. Soprattutto ai primi tempi in cui arrivarono le auto a metano o a Gpl, in molti avevano la sensazione di viaggiare seduti su una potenziale bomba che potrebbe esplodere in qualsiasi momento. Secondo gli esperti, il gas metano è meno infiammabile rispetto alla benzina o al gasolio, che hanno bisogno di arrivare rispettivamente ad una temperatura di 250° e di 220° per autoaccendersi, contro i 537° del metano.

Inoltre, questo gas viene ritenuto il più sicuro degli idrocarburi: in caso di fuoriuscita, si disperde nell’aria molto più velocemente rispetto al Gpl, il che riduce notevolmente il rischio di incendio.

Gli svantaggi dell’auto a metano per l’ambiente

Viste così, si potrebbe dire che le auto a metano sono veramente green. Tuttavia, come detto all’inizio, secondo il rapporto dell’organizzazione Transport & Environment non sono tutte rose e fiori, anzi: le spine non mancano.

Stando a quanto emerge dal dossier, è vero che le auto a metano emettono il 20% in meno di CO2 rispetto alla benzina ma solo il 5% in meno di un veicolo diesel. Tuttavia, c’è da considerare che il metano è un gas serra e che ha degli effetti nocivi sull’ambiente. Questo – si legge ancora nel rapporto di T&E – riduce quel gap tra metano e benzina al 15-18% mentre annulla, anzi capovolge, quello con il gasolio: il valore inquinante delle vetture a metano supererebbe quello delle macchine diesel tra il 6% ed il 13%.

Lo studio rivela anche che le auto a gas naturale, metano compreso, emettono mediamente tra 9 e 900 miliardi di particelle inquinanti per ogni chilometro percorso. Si tratta di particelle molto più piccole rispetto a quelle che si disperdono dai motori alimentati con altri carburanti il che, potenzialmente, potrebbe essere più pericoloso per la salute.

Oltretutto, a differenza di quanto succede con benzina e diesel, non esiste una legislazione che imponga un parametro o un limite alle emissioni di particelle inquinanti dai veicoli a metano.

Le auto a metano – continua il report dell’organizzazione ambientalista – rilasciano nell’aria anche grandi quantità di ammoniaca: fino a 20 mg/km se si tratta di una macchina, fino a 66 mg/km nel caso dei furgoni. Nemmeno su questo c’è un limite imposto dalla legge.

Il dossier conclude traducendo tutto questo in termini di malattie: l’inquinamento prodotto dalle auto a metano a questi livelli comporta il rischio di insorgenza di cancro, patologie cardiovascolari e respiratorie o morbo di Alzheimer.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Buona sera, dopo tanti anni che utilizzi auto a metano non capisco perché solo ora esce questo studio e lo stato incentiva l’uso di queste auto. A questo punto oltre all’inquinamento del traffico esiste anche quello domestico visto che l’uso del metano è diffuso soprattutto nelle case. Questo studio penso sia affiorato per per disincentivare l’acquisto delle auto a metano per favorire altri tipi combustibile
    Cordiali saluti

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube