Diritto e Fisco | Articoli

Se firmi il verbale con la multa non puoi più contestarlo

25 Giugno 2014
Se firmi il verbale con la multa non puoi più contestarlo

Valida la multa per eccesso di velocità se il trasgressore firma il verbale che contiene un evidente errore.

Un precedente che lascerà perplessi quello appena uscito dalle aule del Tribunale di Perugia [1]. Secondo il giudice umbro, è valido il verbale redatto dalla polizia con evidenti vizi o errori (come, per esempio, l’errata indicazione del senso di marcia o del nome della strada o, addirittura, la mancata specificazione del giorno e dell’ora dell’infrazione) quando però sia stato firmato dal trasgressore e a lui consegnato.

In altre parole, stando alla sentenza in commento, ben farebbe l’automobilista, qualora rilevi delle imprecisioni formali nel documento redatto dalla volante, a rifiutarsi di sottoscriverlo e di riceverlo, chiedendone invece la notifica a casa. Una interpretazione forse un po’ troppo formalistica e, soprattutto, che priverebbe il cittadino del normale diritto alla difesa giudiziale: diritto, quest’ultimo, che nulla ha a che vedere col procedimento, invece, amministrativo della contestazione dell’infrazione.

La questione si pone, in particolar modo, per le multe accertate con telelaser. Qui l’apparecchiatura non rilascia documentazione fotografica dell’avvenuta rilevazione e potrebbe non indicare né la via, né il senso di marcia del veicolo multato: essa consente solo l’accertamento della velocità in un determinato momento. Per il resto, è il poliziotto a dover integrare lo scontrino del telelaser scrivendo a penna quanto da questi accertato direttamente con i propri occhi. Ebbene, la sua attestazione ha una efficacia probatoria particolarmente forte, ossia fa fede fino a querela di falso. E pertanto non può essere più contestata dall’automobilista che abbia sottoscritto il verbale. L’unico modo per il cittadino di improntare un’impugnazione davanti al giudice è sollevando il difetto di omologazione o di funzionamento dell’apparecchiatura elettronica stessa.


note

[1] Trib. Perugia, sent. n. 204/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube