Riforma giustizia: cambiano prescrizione, falso in bilancio e codice; divorzi agli avvocati

27 Giugno 2014
Riforma giustizia: cambiano prescrizione, falso in bilancio e codice; divorzi agli avvocati

Nuova riforma della giustizia: prescrizione, intercettazioni e CSM.

Lunedì il Governo presenterà le linee guida di un nuovo pacchetto di riforma della giustizia, che va dal falso in bilancio alla prescrizione, dalle intercettazioni al disciplinare del Csm, senza dimenticare il problema della giustizia civile e dell’arretrato, che potrebbe vedere l’ennesima riforma del codice di procedura civile. Verrà confermata la negoziazione assistita da un avvocato anche per i divorzi e le separazioni: una procedura cogestita dai legali delle parti e indirizzata al raggiungimento di un accordo con il valore di titolo esecutivo. Sembra invece accantonata la possibilità di concedere alle parti di devolvere la decisione a un arbitro scelto dal presidente del tribunale tra gli avvocati dal presidente del tribunale.

Ecco, dunque, le principali misure in arrivo.

 

INTERCETTAZIONI

Divulgazione a ostacoli

In vista un intervento a tutela della privacy delle persone intercettate. Nessun limite alla possibilità di effettuare gli ascolti per tipologie di reati come era stato prefigurato nel recente passato. La garanzia è arrivata dal ministro della Giustizia Orlando nell’incontro di ieri con l’Anm.

È invece possibile che ci sia una stretta sull’allegazione delle intercettazioni ai provvedimenti di misura cautelare non più con le trascrizioni integrali, ma con il semplice riassunto del contenuto; come pure potrebbero non essere affidate copie alle parti fino all’udienza preliminare.

FALSO IN BILANCIO

Sanzioni più alte

Il progetto messo in cantiere dal ministero della Giustizia prevede un intervento di maggiore severità sull’attuale versione del Codice civile introdotta dalla riforma Vietti del diritto societario. La pena detentiva dovrebbe essere alzata a 5 anni rendendo di fatto di nuovo possibile l’effettuazione di intercettazioni anche per la fattispecie base della condotta criminale. Inoltre dovrebbe essere affrontato anche il nodo delle condizioni di procedibilità, prevedendo che la pubblica accusa possa procedere anche d’ufficio (sempre nell’ipotesi base) senza la querela di parte.

SANZIONI AI GIUDICI

In campo l’Alta Corte

Nell’agenda del ministero della Giustizia anche un intervento sulle sanzioni disciplinari a carico dei magistrati. Non si interviene sulla tipizzazione degli illeciti recepita nell’ambito della riforma dell’ordinamento giudiziario, ma si prevede che una sezione autonoma del Consiglio dovrà trattare i procedimenti a carico dei magistrati, mentre come giudice di secondo grado potrebbe debuttare una sorta di Alta Corte. Sul fronte della responsabilità civile verrà sicuramente rivista al Senato la stretta approvata nell’ambito della comunitaria alla Camera.

IL RUOLO DEI LEGALI

In campo gli avvocati

La procedura cogestita dagli avvocati delle parti è indirizzata al raggiungimento di un accordo conciliativo che, da un lato, eviti il giudizio e che, dall’altro, consenta la rapida formazione di un titolo esecutivo stragiudiziale e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale. È prevista come condizione di procedibilità per le controversie disciplinate dal Codice del consumo e per quelle in materia di risarcimento del danno derivante da circolazione di veicoli e natanti e per le domande di pagamento a qualsiasi titolo di somme non eccedenti 50 mila euro, fuori dei casi in cui è obbligatoria la mediazione.

SEPARAZIONI

Famiglie in crisi

Negoziazione possibile anche per separazioni e divorzi. È esclusa però in presenza di figli minori o di figli maggiorenni portatori di handicap grave.

L’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita da avvocati, sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati, nonché certificato, quanto all’autografia delle firme e alla conformità dell’accordo alle norme imperative e all’ordine pubblico è equiparato ai provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube