Diritto e Fisco | Articoli

Primo stop al contributo unificato: troppo elevato

27 Giugno 2014
Primo stop al contributo unificato: troppo elevato

Gli avvocati fanno ricorso contro il caro-liti: sospesa la tassa di accesso; il Tribunale di giustizia amministrativa di Trento riconosce il rischio di un pregiudizio grave.

Innovativa ordinanza del Tribunale di giustizia amministrativa di Trento in tema di contributo unificato nel processo amministrativo [1]. Uno studio legale ha ottenuto la sospensione del pagamento vedendosi riconosciuto il rischio di un pregiudizio grave. La storia recente del contributo da versare a corredo di ogni azione giudiziaria, vede un ultimo balzo all’insù per i giudizi civili varato con l’articolo 53 del dl 90/2014.

Da tempo, peraltro, nella giustizia amministrativa il contributo ha destato forti perplessità, sia per l’entità, sia per il suo moltiplicarsi in caso di motivi aggiunti. Proprio il Tribunale di Giustizia amministrativa di Trento [2] si è rivolto alla Corte di giustizia Ue ritenendo che il contributo imposto a carico di chi impugni appalti sia, per l’elevato suo importo, in contrasto con i principi di agevole accesso posti dalla Direttiva del Consiglio 21 dicembre 1989 n. 665. Coerente a tale dubbio, giunge ora un singolo provvedimento cautelare che sospende una richiesta di pagamento indirizzata a tre avvocati da parte della segreteria del Tribunale di giustizia amministrativa di Trento.

Si tratta del primo caso di sospensione della pretesa tributaria, che ha particolare importanza in quanto il contributo da versare, pur essendo elevato (da 650 a 6.000 euro) non è tuttavia insopportabile e ricade oltretutto sul cliente.

Secondo i giudici trentini, tuttavia, l’importo economico può lievitare a cascata, per interessi e sanzioni, comportando negative conseguenze per lo studio legale, sia in termini patrimoniali che sul piano dell’immagine professionale. In conseguenza, anche se il contributo da pagare è a carico del cliente, il Tribunale ha ritenuto di sospendere la richiesta di pagamento, ritenendo “grave” il pregiudizio dei professionisti qualora il pagamento mancasse o fosse ritardato.

La leva tributaria sull’accesso alla giustizia amministrativa ha da tempo sollevato notevoli critiche, in particolare perché ha assunto un ruolo volutamente dissuasivo, in contrasto con il diritto di difesa: ad esempio, in materia di appalti pubblici si impone alla parte ricorrente il pagamento di un importo che può giungere a 6.000 euro (per cause di valore superiore ad un milione di euro) ma aumenta della metà nei giudizi di appello. Il valore dell’appalto inoltre, è illogicamente considerato come valore dell’opera, non come utile (circa il 10%) che l’imprenditore vorrebbe ottenere. A margine del contributo vi sono poi importi per liti temerarie, rimesse alla discrezionalità del Tribunale come strumento deflattivo del contenzioso.

L’ordinanza di Trento, comunque, riguarda solo gli avvocati che hanno fatto ricorso. Ma ciò non esclude che altri professionisti si accodino contestando una pretesa sentita come fortemente ingiusta.


note

[1] TAR Trento sent. n. 58 del 25.06.2014.

[2] TAR Trento prd. n. 23 del 29.01.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube