Diritto e Fisco | Articoli

In quanto tempo si prescrive la Tari?

6 Novembre 2021
In quanto tempo si prescrive la Tari?

Ho ricevuto un sollecito di pagamento Tari. L’importo è prescritto? 

Il documento è un avviso di accertamento esecutivo che le viene notificato perché l’ente creditore le contesta il mancato pagamento, per l’anno 2016, della Tari (e del connesso tributo provinciale) che sarebbe stata richiesta con precedenti avvisi di pagamento.

Nell’avviso di accertamento esecutivo odierno non è specificato l’immobile relativamente al quale viene chiesto il pagamento della Tari del 2016 (e del connesso tributo provinciale). Si fa invece riferimento ai precedenti avvisi di pagamento che lei, volendo, potrà consultare (come viene indicato alla pagina 1 dell’avviso) nella sezione Tari on-line.

Le consiglio, perciò, per verificare a quale immobile l’avviso di accertamento odierno si riferisca e le tariffe applicate per il calcolo dell’importo dovuto:

  • di ricercare i suddetti avvisi di pagamento tra i documenti da lei conservati;
  • o di registrarsi sul sito dell’ente creditore nel caso non li reperisse.

Inoltre, le consiglio di verificare se esistono eventualmente le ricevute di avvenuto pagamento della Tari del 2016 perché non si può escludere che l’avviso di accertamento odierno sia frutto della mancata registrazione di un pagamento che in realtà oggi l’ente creditore non ha contabilizzato.

In ogni caso, se effettivamente la Tari del 2016 non fosse stata pagata da chi all’epoca risultava essere proprietario, oggi l’ente creditore, notificandole l’avviso di accertamento esecutivo, ha esercitato entro i termini di tempo concessi dalla legge la sua facoltà di contestarle l’omesso pagamento. La legge (legge n. 296/2006, articolo 1, comma 161) stabilisce che l’accertamento esecutivo deve essere notificato entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui il versamento doveva essere effettuato.

Se, quindi, la Tari del 2016 non fu pagata, l’ente creditore poteva notificarle l’avviso di accertamento entro il 31 dicembre del quinto anno successivo al 2016 e cioè entro il 31/12/2021.

Pertanto, se effettivamente la Tari 2016 ed il connesso tributo provinciale non sono stati pagati, l’ente creditore le ha notificato l’avviso di accertamento rispettando i termini di legge.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube