Diritto e Fisco | Articoli

TAR: scatta il risarcimento danni per chi fa causa in malafede

28 Giugno 2014
TAR: scatta il risarcimento danni per chi fa causa in malafede

Dalla responsabilità aggravata alla condanna alle spese: tutti gli istituti che rendono pericoloso iniziare un’azione temeraria nell’ambito del processo amministrativo.

                                            

Il governo vuole snellire il processo amministrativo, aumentando i rischi per le parti litiganti. Il nuovo Decreto Legge sulla Competitività [1] innova il Codice del processo amministrativo [2] elencando tutti gli inconvenienti di una lite.

Si parte dalla condanna alle spese (rimborso a favore della parte vittoriosa) [3].

Si aggiunge una condanna alle spese per singoli atti, qualora si violi il dovere di lealtà e probità [4].

Si prevede poi una responsabilità aggravata, se chi perde ha agito o resistito in giudizio con malafede o colpa grave: in tal caso si rischia una plurima condanna al risarcimento danni, sia per sentenza sfavorevole, sia nel caso di provvedimento d’urgenza, tutte le volte che sia mancata la normale prudenza [5].

Il giudice inoltre può, anche d’ufficio, condannare chi perde al pagamento a favore dell’avversario di una somma equitativa, tutte le volte che la pronuncia risulti fondata su ragioni manifeste. Questa condanna può essere di importo equitativo, cioè rimesso alla prudente valutazione del giudice in funzione del comportamento della parte e degli interessi in gioco, in proporzione alla prevedibilità dell’essere della lite, sanzionando quindi chi volutamente trascuri precedenti di giurisprudenza che rendevano prevedibile l’esito della lite.

Tutto ciò sotto l’aspetto strettamente economico, poiché il professionista è soggetto altresì a responsabilità disciplinare, cioè a sanzioni per comportamenti scorretti; qualora la parte soccombente sia una Pa, può emergere anche una responsabilità contabile, qualora l’ente si sia difeso generando indebiti ostacoli, per guadagnare tempo o rinviare l’adempimento di un dovere.

A ciò si aggiungono una serie di esborsi a carico della parte soccombente, che non sono versati a favore della parte vittoriosa, bensì di un fondo gestito dall’Erario, dal quale si attingono risorse anche per la produttività del processo amministrativo (magistrati, dipendenti). La legge [6] prevede infatti una vera propria sanzione pecuniaria a carico della parte soccombente, calibrata in funzione del contributo unificato dovuto nel momento iniziale della lite. Si tratta di una sanzione che oscilla tra il doppio e il quintuplo del contributo stesso (da 1.300 a 30mila euro) che, nelle controversie sugli appalti può lievitare fino all’1% del valore del contratto. L’importo può essere molto rilevante, perché calibrato al valore dell’opera (un ponte, una fornitura di macchinari ecc.).


note

[1] DL n. 90/2014, art. 41.

[2] Art. 26 del Dlgs 104/2010.

[3] Prevista già dall’art. 91 del cod. proc. civ.

[4] Art. 92 cod. proc. civ.

[5] Art. 96 cod. proc. civ.

[6] Art. 41, comma 1, lettera b)

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube