Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di mantenimento alla moglie con data di scadenza

29 Giugno 2014
Assegno di mantenimento alla moglie con data di scadenza

Separazione consensuale: negli accordi tra gli ex coniugi la possibilità di prevedere, in favore del beneficiario dell’assegno, un mantenimento fino a una data predeterminata.

Negli accordi economici che i coniugi possono stabilire, ai fini della separazione consensuale, e in particolare con riferimento alle modalità e ai tempi di versamento dell’assegno di mantenimento, è lecito prevedere il suddetto pagamento fino a un termine di scadenza: scaduto il quale, il coniuge obbligato potrà ritenersi definitivamente liberato da ogni obbligo economico.

Una modalità di mantenimento, quest’ultima, resa possibile grazie al chiarimento reso da una recente sentenza della Cassazione [1]. Secondo i giudici della Suprema Corte, è possibile la previsione di un assegno di mantenimento a scadenza che, magari, tenga conto di un primo periodo “transitorio”, in cui il sussidio mensile viene versato per venire incontro a una temporanea difficoltà economica del coniuge beneficiario (si pensi l’avvio di una carriera professionale, che tende, per sua natura, a crescere con il passare del tempo).

Spirato, dunque, il termine di scadenza concordato dalle parti, più nulla sarà dovuto dal marito alla moglie. Il patto così siglato dai coniugi, dalla data di scadenza, ha valore di rinuncia all’assegno di mantenimento.

Bisogna però fare una importante precisazione.

Tale rinuncia all’assegno di mantenimento, effettuata in sede di separazione, non pregiudica l’eventuale successiva valutazione, in sede di divorzio, delle attuali condizioni economiche delle parti. In altre parole, nonostante tale patto siglato in sede di separazione, ben potrebbe il giudice ritenere dovuto il successivo assegno divorzile sulla base di una verifica, durante la causa di divorzio, del rapporto delle attuali condizioni economiche delle parti con il pregresso tenore di vita coniugale.


note

[1] Cass. sent. n. 12781 del 6.06.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube