Diritto e Fisco | Articoli

Quali sono le condizioni affinché sussista l’infortunio in itinere?

10 Novembre 2021
Quali sono le condizioni affinché sussista l’infortunio in itinere?

Incidente stradale o infortunio nel percorso casa-lavoro: quando c’è copertura dell’Inail. 

Si parla di infortunio in itinere tutte le volte in cui il lavoratore subisce un incidente mentre si reca o torna dal lavoro. Non deve essere per forza un incidente stradale: può trattarsi anche di una caduta dalla moto, dallo scooter, dalla bicicletta o a piedi.

Tali infortuni si considerano come avvenuti all’interno dell’azienda e, pertanto, sono risarciti come normali infortuni sul lavoro. Il dipendente riceve così un’indennità dall’Inail commisurata al danno patito.

L’assenza per la malattia deve comunque rispettare i limiti massimi indicati nel contratto collettivo di lavoro (il cosiddetto «periodo di comporto») oltre i quali si può essere licenziati.

Qui di seguito vedremo, più nel dettaglio, quali sono le condizioni affinché sussista l’infortunio in itinere. Ci soffermeremo in particolare sulla possibilità di ottenere il risarcimento nonostante l’uso dell’auto privata, considerata un’eccezione ammessa solo in determinati casi. Ma procediamo con ordine.

Quando c’è infortunio in itinere?

L’infortunio in itinere è risarcito dall’Inail solo se si verifica:

  • durante il normale percorso che collega due luoghi di lavoro in caso di più rapporti di lavoro;
  • durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro;
  • qualora non sia presente un servizio di mensa aziendale, durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di lavoro a quello di consumazione abituale dei pasti.

In tutti questi casi si è parlato di «normale percorso»: si deve cioè trattare della linea più breve tra il punto di partenza e quello di arrivo. In pratica, il percorso casa-lavoro non può subire variazioni immotivate.

Pertanto, non sono coperti dall’Inail gli infortuni avvenuti in caso di deviazione o interruzione dal tragitto ordinario, che siano indipendenti dal lavoro o, comunque, non necessari, con esclusione soltanto dell’accompagnamento dei figli da casa a scuola e viceversa.

Quando non c’è risarcimento per l’infortunio in itinere?

La copertura assicurativa Inail non opera in caso di interruzione o deviazione non necessaria e indipendente dal lavoro (si pensi al dipendente che deve passare a consegnare un pacco a un amico o a fare la spesa). 

L’interruzione o deviazione si considerano necessitate solo se dovute a:

  • cause di forza maggiore;
  • esigenze essenziali ed improrogabili;
  • adempimento di obblighi penalmente rilevanti.

È ammessa la deviazione dovuta da uno sciopero, un blocco del traffico, dai lavori di manutenzione della strada che possano implicare il rischio di ingorghi.

Sono ammesse invece le brevi soste che non espongono l’assicurato a un rischio particolare e ulteriore. 

L’infortunio in itinere non è coperto da risarcimento inoltre nel caso in cui il conducente del veicolo sia privo di patente di guida, qualora l’infortunio sia direttamente causato dall’abuso di alcolici, psicofarmaci o dall’uso non terapeutico di stupefacenti o allucinogeni e, infine, tutte le volte in cui l’incidente sia dipeso dal mancato rispetto del Codice della strada.

Infortunio in itinere e auto personale

Di regola, l’infortunio in itinere è coperto solo se il lavoratore si avvale dei mezzi pubblici. Si pensi ai seguenti casi:

  • investimento del lavoratore per opera di un’auto mentre questi attraversa la strada per prendere il mezzo pubblico;
  • infortunio a causa di un incidente stradale dell’autobus;
  • brusca frenata dell’autobus su cui l’infortunato si trovava per andare al lavoro. 

Eccezionalmente, sono coperti anche gli incidenti avvenuti sull’auto privata del lavoratore, ma solo quando l’utilizzo di questa è necessario. L’uso del mezzo privato non può però essere finalizzato alla sola maggiore comodità o ai minori disagi che ne derivano. In particolare, è sempre consentito l’uso dell’auto privata – e quindi, in caso di incidenti, si è comunque risarciti dall’Inail – quando:

  • manca un mezzo pubblico e il tragitto casa/lavoro non può essere ragionevolmente percorso a piedi. A tal fine, si deve tenere conto dell’età e dello stato di salute del lavoratore nonché delle condizioni del tragitto;
  • i mezzi pubblici non coprono l’intero percorso casa-lavoro;
  • gli orari del servizio pubblico di trasporto sono incompatibili con quello di lavoro (si pensi al caso dell’autobus che arriva a destinazione dopo l’orario di ingresso in azienda);
  • le condizioni del trasporto pubblico sono tali da creare grave disagio al lavoratore (si pensi al dipendente che debba percorrere diversi chilometri a piedi per raggiungere la fermata più vicina o quando è necessario prendere più di due mezzi pubblici ogni volta).

Infortunio nella pausa pranzo 

In linea generale, se il datore di lavoro organizza un servizio mensa interno, la scelta di recarsi all’esterno (bar, ristorante o perfino ritorno all’abitazione) per consumare il pranzo, ricade sul lavoratore che non si vedrà indennizzato l’eventuale incidente. La deroga consiste nel fatto che il lavoratore è necessitato comunque a rientrare a casa per consumare il pasto in quanto ad es. sta seguendo una determinata dieta necessaria per la tutela del proprio stato di salute.

Cosa fare per farsi risarcire l’infortunio in itinere?

Il dipendente ha l’obbligo di denunciare l’infortunio in itinere al datore di lavoro non appena in possesso del certificato che lo attesta.  



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube