Diritto e Fisco | Articoli

Diventa a pagamento l’SMS di avviso di chiamata su occupato

17 Luglio 2014
Diventa a pagamento l’SMS di avviso di chiamata su occupato

Tim e Vodafone: scatta l’addebito per ogni avviso di chiamata del servizio Lo Sai/ChiamamiOra e Recall/Chiamami.

Attenzione: tra 3 giorni esatti, ossia a partire dal prossimo 21 luglio, il servizio “avviso di chiamata” (che avvisa l’utente quando un numero, cui si è tentato di telefonare, da occupato torna libero), offerto sino ad oggi gratuitamente dai gestori di telefonia mobile, sarà invece a pagamento.

Il servizio viene chiamato da Tim “Lo sai/ChiamamiOra” e costerà 1,90 euro ogni 4 mesi; invece quello offerto da Vodafone, chiamato “Recall/Chiamami”, costerà 6 centesimi al giorno.

Le compagnie telefoniche avranno l’obbligo, in questi giorni, di avvisare l’utenza, prima del passaggio al nuovo regime “a pagamento”, in modo tale da consentire la disattivazione del servizio.

L’avviso verrà fornito tramite sms e sarà diritto di tutti gli utenti recedere dall’opzione, senza pagare alcunché.

Per dare maggiori informazioni sul servizio Tim ha messo a disposizione il numero 40920 mentre Vodafone il numero 42070 e 42592.

Come disattivare il servizio

Se questi servizi non ti interessano, quindi, disattivali da subito.

Per disattivare i servizi di Vodafone puoi:

andare direttamente alle pagine web dei due servizi Chiamami e Recall, controllare se sono attivi sulla tua utenza e seguire le indicazioni per disattivarli entrambi o soltanto uno dei due;

oppure puoi contattare i numeri gratuiti che Vodafone ha messo a disposizione degli utenti per questa operazione: 42070 e 42592.

Per disattivare i servizi di Tim puoi:

andare direttamente alla pagina web dei due servizi (LoSai e ChiamaOra). Purtroppo in questo caso non è possibile disattivare soltanto uno ei due;

oppure puoi contattare il numero gratuito che Tim ha messo a disposizione degli utenti: 40920.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. ti derubano….,è vergonoso……………………………………………..!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube