Diritto e Fisco | Articoli

Annotazioni sul libretto di deposito a risparmio: chi ha ragione?

2 Luglio 2014
Annotazioni sul libretto di deposito a risparmio: chi ha ragione?

Presunzione a favore della banca, che il cliente-depositante può vincere onerandosi della prova contraria.

Le annotazioni sul libretto di deposito a risparmio, firmate dall’impiegato della banca, fanno piena prova nei rapporti tra banca e cliente-depositante; pertanto è quest’ultimo a dover provare che si tratta di annotazione di operazioni non consentite.

È quanto stabilito dalla Cassazione co una ordinanza emessa ieri [1].

Mettiamo il caso di un cliente che stipuli un contratto di deposito con la banca e, perciò, versi, in libretti di risparmio al portatore, alcune somme consegnate, di volta in volta, a mani del cassiere. Che succede se l’estratto conto che la banca fornisce al depositante differisca (sia, cioè, inferiore) rispetto a quello di cui il cliente ha contezza?

Prevalgono i conteggi dell’istituto di credito

Quanto risulta alla banca, ed è annotato sul libretto di risparmio al portatore, prevale su quello che dichiara il depositante, salvo che quest’ultimo fornisca valide prove del maggior credito vantato rispetto a quello risultante dai libretti bancari restituiti al medesimo.

È lo stesso codice civile [2] – ricorda la Suprema Corte – a stabilire che le annotazioni sul libretto, firmate dall’impiegato della banca, fanno piena prova nei rapporti fra la stessa e il depositario. Si tratta di una presunzione di validità delle annotazioni apposte sul libretto che fa fede, salvo prova contraria.

Il cliente, infatti, può superare tale presunzione con la dimostrazione che un’operazione di versamento o prelevamento di somme, sebbene non annotata, sia stata comunque eseguita.

È questa, del resto, la conseguenza di un principio generale del nostro processo civile [3] secondo cui è proprio colui che afferma l’esistenza di un diritto a dover provare i fatti che ne costituiscono il fondamento.

È quindi sempre il depositante che ha l’onere della prova del fatto storico del riempimento abusivo del libretto, con annotazione di operazioni non consentite.


note

[1] Cass. ord. n. 14888/14 dell’1.07.2014.

[2] Art. 1835 co. 2, cod. civ.

[3] Art. 2697 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube