Diritto e Fisco | Articoli

Il prelievo sul conto promiscuo salva il professionista dall’accertamento

2 Luglio 2014
Il prelievo sul conto promiscuo salva il professionista dall’accertamento

Il professionista non deve giustificare i prelievi sospetti sul conto usato sia per scopi personali che professionali se tali prelievi sono congrui con le esigenze personali.

Il professionista che usa un unico conto sia per esigenze personali che professionali può salvarsi dall’accertamento fiscale scaturito dal prelievo di una grossa somma. Questo perché egli non è tenuto a giustificare i prelievi sospetti, anche se elevati, tutte le volte in cui questi ultimi siano congrui con le esigenze personali.

A chiarirlo è stata la Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso [1] che ha accolto in parte il ricorso di un ingegnere che usava il conto corrente bancario per scopi personali e professionali.

I giudici ricordano, innanzitutto, che la presunzione [2] secondo cui tanto i prelievi quanto i versamenti nei conti bancari vanno imputati a ricavi, conseguiti dal contribuente nell’esercizio della propria attività, se lo stesso non dimostri di averne tenuto conto nella determinazione della base imponibile oppure che sono estranei alla produzione del reddito, ha portata generale e si applica sia al reddito d’impresa che a quello di lavoro autonomo e professionale.

Detto ciò, la sentenza sottolinea che, nell’ipotesi – peraltro consentita dalla legge – in cui il professionista utilizzi il medesimo conto bancario sia per uso personale che professionale (cosiddetto “uso promiscuo”), i prelievi per scopi personali devono riconoscersi senza che si richieda la prova rigorosa della loro rilevanza per la determinazione del reddito; al contrario è sufficiente che essi siano proporzionati al reddito dichiarato in riferimento alle normali esigenze personali.

Detto in parole più semplici, se il prelievo di 1.000 euro da un conto usato solo per l’ambito professionale fa presumere che tale spesa venga utilizzata esclusivamente nell’esercizio della sola attività lavorativa e, pertanto, di tale investimento dovrà darsi giustificazione al fisco, nel caso di conto promiscuo, alle predette esigenze professionali potrebbero sommarsi anche quelle personali e, dunque, l’attribuzione di esse a reddito sarà più elastica.


note

[1] CTP Campobasso, sent. n. 181/2014.

[2] Di cui all’art. 32 del Dpr 600/73.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube