Diritto e Fisco | Articoli

8 cose illegali che in realtà sono legali

16 Novembre 2021
8 cose illegali che in realtà sono legali

False credenze, bufale e fake news in materia legale: ecco 8 comportamenti che non sono reato. 

I falsi miti, le credenze popolari, i luoghi comuni non risparmiano neanche la legge. La colpa è, in parte, delle fake news, in parte di errate interpretazioni e di una scarsa conoscenza delle norme che governano il nostro Paese. 

Anche se è più frequente imbattersi in comportamenti vietati dalla legge ma che tutti credono essere leciti, esistono anche diverse condotte che, ritenute comunemente illegali, in realtà sono legali. Ecco alcuni dei più comuni esempi.

La prostituzione

La prostituzione in Italia è legale, o meglio “tollerata”. Non è un reato né fare la escort, né andare da una escort. Questo significa che la polizia non può fermarti se ti vede davanti a una escort, se le dai un passaggio, né può prendere i tuoi dati o la tua targa. 

La polizia può solo impedirti di consumare un rapporto in luogo pubblico o aperto al pubblico.

Non commetti alcun illecito se vai a casa della escort né il suo condominio può dirti nulla.

La legge prevede solo che il contratto con la prostituta è nullo per contrarietà al buon costume: significa che se non sei soddisfatto della prestazione o non l’hai ricevuta per come volevi non puoi rivolgerti a un giudice. 

Ciò che è vietato è il favoreggiamento o lo sfruttamento della prostituzione, tipico dell’intermediario. 

Insulti

Non sarai punito se insulti una persona che ti ha appena insultato. Ma non puoi né minacciarla, né picchiarla.

Questo perché, in base al nostro Codice penale, l’ingiuria o la diffamazione fatta in conseguenza di una precedente ingiuria o diffamazione è giustificata dallo stato d’ira. Questa giustificazione non perdona però la commissione di ulteriori reati (come detto, quello di minaccia).

Attenzione: per ottenere il perdono è necessario che vi sia una certa contestualità tra la condotta che ha determinato l’altrui reazione: non deve trattarsi quindi di una vendetta a sangue freddo ma la reazione impulsiva a un torto da poco subito. 

Fumo e alcol per minorenni

Un minorenne non può essere fermato dalla polizia se fuma o beve. Non commette infatti alcun illecito. L’illecito lo commette solo chi somministra fumo o alcol al minore. Per il fumo, il divieto vale fino a 17 anni. Per l’alcol invece c’è reato solo se il minore si trova in luogo pubblico o aperto al pubblico e sempre che abbia meno di 16 anni. Per chi invece vende o somministra alcolici a un ragazzo che ha 16 o 17 anni scatta solo un illecito amministrativo.

Gestacci contro l’autovelox

Fare un gestaccio all’autovelox non è oltraggio a pubblico ufficiale proprio perché l’autovelox non è un pubblico ufficiale. Peraltro, il reato scatterebbe solo in presenza di altre due persone oltre al poliziotto.

Quindi, chi passa dinanzi all’autovelox alzando il dito medio non può essere sanzionato.

Aprire una società senza soci e senza soldi

Comunemente si crede che per aprire una società ci vogliono almeno 2 soci e i soldi da versare per il capitale sociale. Ma non è così. Esistono le Srl semplificate unipersonali che si possono aprire anche con 1 solo euro di capitale. Non hai bisogno quindi di trovare soci: puoi aprire una società il cui unico socio sei tu stesso.

Bestemmiare la Madonna e i santi

La bestemmia è un illecito amministrativo, ma solo quella rivolta a Dio. Per cui la bestemmia contro la Madonna e i Santi non può essere punita. 

È altresì punita la bestemmia contro il Dio di qualsiasi religione, non solo quella cristiana.

Sposare un cugino

Si può sposare un cugino in Comune. Se lo si vuole fare in chiesa è necessaria la dispensa della Chiesa.

Tradire per secondi

Il tradimento è causa di addebito ossia di responsabilità per la fine del matrimonio, ma non se il tradimento è stato causato da un precedente tradimento. In tal caso, l’addebito lo subisce chi tradisce per primo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube