Diritto e Fisco | Articoli

Assicurazione Inail ai volontari cassintegrati

3 Luglio 2014
Assicurazione Inail ai volontari cassintegrati

Per attività svolte in favore di Comuni ed enti locali.

Il legislatore [1] è tornato sul tema della copertura assicurativa dei cassintegrati introducendo una forma di assicurazione da parte di Inail per quelli coinvolti in attività di volontariato tramite associazioni a fini di utilità sociale in favore di Comuni o enti locali.

La legge prevede la costituzione presso il ministero del Lavoro, in via sperimentale per il biennio 2014-2015, di un Fondo finalizzato a reintegrare Inail dell’onere conseguente alla copertura degli obblighi assicurativi contro le malattie e gli infortuni in favore di questa tipologia di cassintegrati. Alla dotazione del Fondo, non superiore a dieci milioni di euro, suddiviso in 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2014 e 2015, si provvede con corrispondente riduzione del Fondo sociale per l’occupazione e la formazione.

 

Associazioni di volontariato

Sotto il profilo dell’obbligo assicurativo, la disposizione incrocia due mondi: quello del volontariato e quello dei cassintegrati.

Per quanto riguarda le associazioni di volontariato, la legge quadro [2] prevede che “le organizzazioni di volontariato debbono assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato, contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell’attività stessa, nonché per la responsabilità civile verso i terzi”.

Con successivi decreti del ministero dello Sviluppo economico sono stati individuati meccanismi assicurativi semplificati come polizze assicurative stipulate con istituti privati a cui le organizzazioni di volontariato devono comunicare i nominativi dei soggetti assicurati.

Con il varo del Dl sviluppo e competitività [3] le associazioni non dovranno più stipulare polizze per il cassintegrato che volontariamente accede a piani di utilità sociale in quanto la tutela sotto il profilo dell’infortunio e della malattia professionale verrà garantita dallo Stato. L’Inps, su richiesta dei Comuni o degli altri enti locali, verifica la sussistenza del requisito soggettivo della cassa integrazione. Le modalità di attuazione della nuova forma di copertura assicurativa devono essere ancora chiarite con provvedimenti attuativi.

La tutela del volontario non è del tutto estranea all’assicurazione obbligatoria curata dall’Inail (si pensi ad esempio ai soci volontari di cooperative sociali di cui alla legge 381/1991). Per quanto riguarda i cassintegrati a zero ore, in assenza di prestazione lavorativa l’obbligo assicurativo Inail non ricorre, fatta eccezione per le fattispecie sotto individuate. Diversamente, nei casi di sospensione parziale, il lavoratore continua a essere assicurato.

Le regole per gli Lsu

Sono comunque assoggettati a obbligo assicurativo Inail i cassintegrati a zero ore se chiamati dagli enti pubblici a svolgere lavori socialmente utili [4]. In tali casi i partecipanti ai Lsu, qualora svolgano le lavorazioni rischiose [5], sono assicurati all’Inail contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. L’obbligo assicurativo, compreso il pagamento del premio, è a carico dei soggetti promotori responsabili dei progetti di Lsu.

Si tratta di amministrazioni pubbliche (regioni, province, comuni), enti pubblici economici, società a totale o prevalente partecipazione pubblica, cooperative sociali e loro consorzi. Con decreti del ministro del Lavoro possono essere individuati altri soggetti che possono promuovere progetti di lavori socialmente utili.

 

Premi e tariffe

In materia di tutela infortunistica, la scelta adottata sin dagli anni ’80 e successivamente confermata con Dm 18 maggio 1988 e con apposito parere del ministero del Lavoro, è stata quella di assicurare i cassintegrati secondo le modalità previste per gli allievi dei corsi di qualificazione e riqualificazione professionale. I premi assicurativi posti a carico del promotore dei progetti socialmente utili sono calcolati sulla retribuzione convenzionale giornaliera prevista dal decreto ministeriale 26 ottobre 1970, per ogni giorno di presenza, indipendentemente dal numero delle ore giornaliere effettuate, mentre ai fini della classificazione tariffaria era stata prevista la voce 0720 della vecchia tariffa del 1988 (tasso allora pari al 9 per mille) relativa ai corsi di istruzione professionale, corrispondente alla voce 0611 dell’attuale tariffa.


note

[1] Art.12 del Dl 90/2014.

[2] L. 266/1991, art. 4.

[3] DL n. 90/2014.

[4] Dlgs 468/1997 parzialmente modificato dal Dlgs 81/2000.

[5] Art. 1 del Dpr 1124/1965.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube