Diritto e Fisco | Articoli

Come segnalare un sito truffa

5 Febbraio 2022 | Autore:
Come segnalare un sito truffa

Come denunciare una pagina Internet illegale alla polizia postale? Come chiedere a Google l’eliminazione di un sito pericoloso?

Internet è lo spazio virtuale dove possono accadere tante cose, sia buone che cattive. Sul web è possibile fare acquisti, incontrarsi, perfino innamorarsi; allo stesso tempo, è possibile cadere nei tranelli tesi dai malintenzionati. È ciò che accade quando si incappa in qualche sito truffa, cioè in pagine Internet che solo apparentemente offrono normali servizi ma che, in realtà, hanno come fine quello di raggirare gli utenti. Si pensi al sito ove è possibile acquistare prodotti che però, in realtà, non vengono mai spediti nonostante il pagamento andato a buon fine. Con questo articolo vedremo come segnalare un sito truffa.

Sin da subito possiamo dire che esistono sostanzialmente tre modi per effettuare una segnalazione del genere: il primo è la denuncia alle autorità competenti, nello specifico alla polizia postale; il secondo è la segnalazione a Google; infine, è possibile avvertire il social network ove la pagina truffaldina compare. Approfondiamo questi aspetti e vediamo come segnalare un sito truffa.

Sito truffa: cos’è?

Non esiste una definizione di sito truffa, in quanto esistono tanti modi per poter imbrogliare la gente e approfittarsi di chi è in buona fede.

Classico esempio del sito truffa è quello che consente di fare shopping online, cioè di acquistare prodotti scegliendoli da un catalogo (o vetrina). Il problema è che, dopo aver effettuato il pagamento tramite carta o bonifico, il bene per cui si è pagato non arriva mai a casa, oppure ne arriva uno totalmente diverso. Sarebbe scontato dire che ogni reclamo è inutile: dopo l’acquisto, il sito non risponde alle telefonate né alle email.

Un sito truffa può essere anche quello che effettua una raccolta fondi per beneficenza, mentre in realtà l’incasso finisce in tutt’altre mani, oppure lo sono quelli che offrono appuntamenti online, sempre dietro pagamento di un canone o abbonamento.

Come segnalare un sito truffa alla polizia postale

È possibile segnalare un sito truffa direttamente alla polizia postale. Per fare ciò, ci si può avvalere della pagina Internet ufficiale della polizia, tramite cui è possibile:

  • effettuare una semplice segnalazione, cioè un esposto con cui si pone all’attenzione delle autorità comportamenti ed eventi di natura presumibilmente illegale, al fine di permettere di verificare la reale illiceità dei fatti rappresentati;
  • sporgere una vera e propria denuncia/querela, cioè una segnalazione di reato che proviene direttamente dalla vittima, ovverosia dalla persona truffata.

Nel primo caso, cioè per effettuare una mera segnalazione, è possibile recarsi sul sito della polizia e riempire il form (cioè, il modulo) messo a disposizione dell’utente. Nello specifico, occorrerà indicare:

  • la propria email;
  • il telefono, il Comune e la provincia (questi dati sono facoltativi);
  • l’argomento (phishing, pedofilia, ecc.);
  • l’indirizzo (url) del sito truffa segnalato.

È altresì possibile lasciare un commento, magari descrivendo la truffa a cui si è assistito. Dopodiché, è possibile cliccare sul bottone in fondo a destra e inoltrare così la segnalazione.

Si ripete che questo tipo di segnalazione non è una denuncia, ma soltanto un modo per porre all’attenzione della polizia postale un sito sospetto.

Se invece si è stati vittima della truffa, allora è opportuno seguire le indicazioni che verranno date nel prossimo paragrafo.

Come denunciare un sito truffa alla polizia

Sul sito della polizia è possibile sporgere denuncia nel caso di truffa online. Nello specifico, per presentare una denuncia via web occorre fornire le proprie generalità (in modo simile a quanto viene richiesto dall’ufficiale di polizia quando ci si presenta presso uno degli uffici fisici): nome, cognome, codice fiscale, luogo e data di nascita, residenza e domicilio, numero telefonico, email e gli estremi di un documento d’identità.

Al termine dell’operazione, il sistema rilascia una ricevuta elettronica e un numero di protocollo con il quale sarà possibile recuperare la pratica presso l’ufficio di Polizia di Stato prescelto.

La procedura appena illustrata non sostituisce la denuncia vera e propria, cioè quella fatta di persona, ma rappresenta soltanto il primo passo della procedura di presentazione della denuncia per reati telematici.

In pratica, l’atto inserito in Internet è solo lo schema sul quale sarà poi possibile effettuare, nell’ufficio di polizia prescelto, eventuali integrazioni, ed assumerà valore legale di denuncia solo con la sottoscrizione davanti all’ufficiale di polizia giudiziaria.

In buona sostanza, la denuncia online consente soltanto di effettuare una segnalazione, ragionata e preparata con attenzione, che assumerà i connotati della vera denuncia/querela soltanto con la sottoscrizione reale.

Come segnalare un sito truffa a Google

Se non si ha intenzione di ricorrere alle autorità, magari perché si tratta di un “raggiro innocuo” oppure perché ci sono solo dei vaghi sospetti, è possibile segnalare il sito truffa direttamente a Google. In questo modo, si eviterà che altre persone possano incorrere nello stesso inganno.

Per segnalare un sito truffa a Google bisogna visitare la pagina dedicata agli strumenti per i webmaster di Google (clicca qui per raggiungerla immediatamente) e scegliere l’opzione relativa al tipo di scorrettezza che si intende segnalare. Dopodiché, si aprirà una pagina ove sarà possibile riportare l’indirizzo del sito internet segnalato e specificare di quale problema si tratta.

Come segnalare un sito truffa a Facebook

Infine, vediamo come segnalare un sito truffa a Facebook. Spesso, infatti, i malintenzionati si avvalgono di profili o di pagine del noto social per poter effettuare i loro raggiri, come ad esempio la vendita di prodotti.

Per segnalare a Facebook un post potenzialmente pericoloso bisogna cliccare sul pulsante contraddistinto dai tre punti sospensivi (…), scegliere la voce “Fornisci un feedback su questo post”, selezionare il tipo di attività sospetta riscontrata (ad esempio, spam o “vendite non autorizzate”) e pigiare sul pulsante “Invia” per concludere.

Per segnalare a Facebook un intero profilo o una pagina, bisogna premere sul nome del profilo/pagina che interessa, seleziona sempre il pulsante con i tre punti sospensivi () collocato nella parte alta della pagina, selezionare la voce “Segnala”, poi l’opzione “Segnalare questo profilo/È una truffa”, e ripetere l’operazione con le voci “È un account falso/Questa pagina è falsa” e infine “Contrassegna questa Pagina come truffa”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Il mese scorso stavo leggendo una storia qui su come Lallroyal .org aiuta le vittime di frode a recuperare i soldi persi da una truffa di criptovaluta e ho deciso di denunciare un truffatore romantico che deve frodarmi più di $ 78.500 per la sua attività di rig e ho inviato tutto Bitcoin e carte regalo. La società Lallroyal Recovery è stata in grado di aiutarmi a recuperare oltre il 70% dei miei fondi persi sul mio conto. Ho pensato che avrei dovuto condividere per aiutare anche qualcuno che ha bisogno di aiuto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube