Busta paga tagliata da marzo 2022

20 Novembre 2021 | Autore:
Busta paga tagliata da marzo 2022

Con l’arrivo dell’assegno unico per i figli, il datore di lavoro toglierà dal cedolino alcune detrazioni fiscali. Ecco chi potrebbe perderci.

Sarà che, come si suol dire, anche l’occhio vuole la sua parte. Ma da marzo 2022, guardare il cedolino farà venire un colpo ai lavoratori dipendenti, quando si accorgeranno che c’è la busta paga tagliata. Non perché il datore di lavoro gli abbia abbassato lo stipendio: sarà l’effetto dell’entrata in vigore dell’assegno unico universale per i figli. In pratica, il datore di lavoro non inserirà più nel cedolino la detrazione fiscale per i figli e l’attuale assegno familiare. Il che significa che il netto in busta paga sarà più basso del solito.

E la parte mancante? L’importo destinato a sparire dalla busta paga dovrà essere versato dall’Inps direttamente sul conto corrente a titolo, appunto, di assegno unico per i figli. All’inizio dovrebbe compensare la parte che il datore di lavoro non riconoscerà più, ma non per tutti: solo chi ha un Isee fino a 25mila euro, facendo due conti, si renderà conto che non gli è cambiato alcunché, se non il fatto di ricevere la stessa somma da due soggetti diversi (azienda e Inps). Il problema si pone per chi ha un indicatore economico superiore a quella cifra. E tra qualche anno, non solo per loro. Ecco il perché.

L’introduzione dell’assegno unico a marzo 2022 comporta la cosiddetta «clausola di invarianza» che, in pratica, garantisce al lavoratore di non perderci dei soldi rispetto a prima. Questa clausola, però, interviene solo sui nuclei con Isee fino a 25mila euro e solo per il primo anno, cioè fino a marzo 2023. Nel 2023 sarà valida per 2/3 dell’anno e nel 2024 per 1/3. Trascorso questo periodo, con il contributo a regime nel 2025, per sapere se ci si guadagna, ci si perde o resta tutto uguale con l’assegno unico per i figli occorrerà fare riferimento ad un solo parametro: l’Isee. Più sarà basso l’indicatore e più sarà alto l’assegno. E viceversa.

Per effetto della clausola di invarianza, dunque, chi ha un Isee più alto di 25mila euro potrebbe già vedere qualche differenza (in negativo) nella busta paga di marzo 2022. Va ricordato, infatti, che l’assegno pieno sarà di 175 euro al mese, fino a 260 euro a partire dal terzo figlio e di altri 100 euro complessivi se i figli sono quattro o più. Quando si parla di «assegno pieno» si intende quello destinato alle famiglie con un Isee fino a 15mila euro (circa la metà delle famiglie italiane): da questa soglia in poi, infatti, l’importo del contributo inizia a scendere gradualmente fino ad arrivare alla soglia Isee di 40mila euro. A quel punto, chi ha un indicatore economico pari o superiore a quella cifra, prenderà un assegno di 50 euro al mese o di 65 dal terzo figlio.

La differenza in negativo nel cedolino di marzo 2022 arriverebbe, quindi, nel caso in cui le attuali detrazioni fiscali e gli assegni familiari riconosciuti dal datore di lavoro fossero complessivamente di importo maggiore rispetto alle cifre che abbiamo appena elencato (leggi anche Assegno unico figli: ecco quanto si prende).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube