Diritto e Fisco | Articoli

Riposo compensativo anche di più giorni

7 Luglio 2014
Riposo compensativo anche di più giorni

Guida pratica sul riposo compensativo in caso di attività di lavoro prestata in un giorno ordinario di riposo quale il sabato o la domenica o un giorno festivo.

Le attività aggiuntive di lavoro svolte nella giornata di riposo settimanale devono essere compensante con una maggiorazione della retribuzione del 50% e con un riposo pari alla durata della prestazione aggiuntiva. Il riposo compensativo può anche superare la giornata, nel caso di prestazione che superi quella media giornaliera, va fruito di regola entro i 15 giorni successivi e può essere monetizzato. Sono queste le indicazioni, indubbiamente innovative, dettate dall’Aran.

Il caso si riferisce alla situazione in cui un dipendente svolga la prestazione lavorativa durante la giornata di riposo settimanale, di norma la domenica, in aggiunta al suo normale orario di lavoro. Se la prestazione sia svolta durante la domenica, senza che vi sia un carico orario aggiuntivo, non si applica questo istituto. Esso, nella lettura dell’Aran, contestata dai sindacati (la giurisprudenza è divisa), non si applica neppure nel caso di svolgimento della prestazione, non aggiuntiva, in una giornata di festività infrasettimanale. In queste ipotesi per l’Aran matura solamente, se ne ricorrono le condizioni, il diritto alla indennità di turno festiva, quindi senza alcun recupero.

Al lavoratore spetta la maggiorazione della retribuzione, che deve essere così calcolata: fatto 100 il valore della retribuzione oraria .. l’importo del compenso dovuto al lavoratore sarà pari a 50 – e non a 150 per ogni ora di lavoro prestato [1].

Al dipendente spetta una riposo compensativo che deve avere una durata pari alla prestazione aggiuntiva svolta. Nel caso quindi di prestazione di 12 ore e di orario di lavoro articolato su 6 giorni la settimana, cosicché la durata media di una giornata è di 6 ore, al dipendente devono essere concesse 2 giornate di riposo compensativo. Esso deve essere fruito entro i 15 giorni successivi: questo termine non ha in alcun modo “natura perentoria, ma sollecitatoria del corretto adempimento da parte del datore di lavoro pubblico”.

Molto innovativa la conclusione: essendo in presenza di un “riposo volto a consentire al lavoratore di godere di quello settimanale, espressamente garantito dalla legge come diritto soggettivo» esso può «essere anche non fruito ed essere sostituito da forme di monetizzazione”. Superando cioè esigenze di recupero psico-fisico che sono alla base del riposo settimanale.


Il riposo compensativo dei dipendenti pubblici è un giorno non lavorativo che compensa la mancata fruizione di un giorno ordinario di riposo quale può essere il sabato (nella settimana corta), la domenica o un qualsiasi giorno festivo in cui il dipendente, per esigenze aziendali, sia stato costretto a lavorare.

note

[1] La disciplina è contenuta nell’art. 24, comma 1, del contratto del 14 settembre 2000 (le “code contrattuali”), come modificato dal contratto del 5 ottobre 2001.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube