Diritto e Fisco | Articoli

La fatturazione elettronica in Italia

26 Novembre 2021 | Autore:
La fatturazione elettronica in Italia

Quali sono i vantaggi del sistema digitale e perché ai contribuenti forfettari conviene passare alla e-fattura anche se non è ancora obbligatoria.

C’è un settore in cui la tecnologia digitale aiuta e risolve una quantità di problemi: è la fatturazione elettronica. In Italia, è obbligatoria dal 2019 e presto verrà estesa anche alle partite Iva con flat tax, che già ora possono utilizzarla per facilitare e velocizzare i propri adempimenti fiscali.

La scelta della fatturazione elettronica in Italia conviene e lo dimostra il fatto che moltissime aziende non obbligate hanno deciso di adottarla per semplificare le procedure e migliorare l’efficienza rispetto al tradizionale sistema di compilazione manuale su supporto cartaceo.

Scendiamo subito nel concreto e vediamo quali vantaggi offre la fatturazione elettronica, come si fa e chi può adottarla.

Fatturazione elettronica: quali benefici?

La fattura elettronica comporta una serie di benefici, alcuni immediati ed evidenti, altri meno visibili ma comunque importanti. Secondo gli operatori che la stanno utilizzando, i principali vantaggi dell’impiego della fattura elettronica consistono:

  • nella possibilità di condividere in automatico le fatture con i propri clienti e fornitori, migliorando anche l’organizzazione dei processi (contabilizzazione, riscossione dei pagamenti, scadenzario);
  • nella conservazione digitale dei documenti, che elimina tutti gli inconvenienti legati ai supporti cartacei ed ha pieno valore legale; a ciò si aggiunge il notevole risparmio di carta e stampanti;
  • nella semplificazione degli adempimenti fiscali, con il calcolo automatico dell’Iva a credito o a debito e dei ricavi o corrispettivi fatturati;
  • nell’incremento della sicurezza aziendale o dello studio professionale, evitando, grazie alla conservazione digitale degli archivi in cloud, il pericolo di danneggiamenti (anche fortuiti, come in caso di allagamenti o incendi), sottrazioni o smarrimenti delle fatture e degli altri documenti fiscali e contabili collegati;
  • nella riduzione dei rischi di errore legati alla compilazione manuale: il software previene ed evita la maggior parte di essi;
  • nell’eco-sostenibilità, con un valore aggiunto che preserva l’ambiente e qualifica l’impresa come green. Niente più carta da utilizzare, posta da spedire e toner d’inchiostro da smaltire.

Fattura elettronica: quale software scegliere?

Imprenditori e professionisti possono scegliere tra la piattaforma web messa a disposizione gratuitamente dall’Agenzia delle Entrate o uno dei vari software presenti sul mercato. I vantaggi che abbiamo descritto sono potenziati dall’utilizzo di un software appropriato per la creazione, conservazione e gestione delle fatture elettroniche.

Alcuni programmi, come quello di Aruba, mettono a disposizione strumenti e moduli per la gestione integrata dei pagamenti, ad esempio con la possibilità di consultare lo scadenzario aggiornato per ogni cliente, facendo risparmiare tempo prezioso, evitando la fatica di ricerche manuali e garantendo una maggiore efficienza all’azienda o al professionista. La soluzione di Aruba offre un modulo dedicato ai contribuenti forfettari, dotato di un’interfaccia smart che opera in modo intuitivo e di numerose utility, per facilitare il loro passaggio alla fatturazione elettronica.

Fattura elettronica: come si compila?

Compilare una fattura elettronica è davvero semplice e veloce. Chi è abituato alle fatture cartacee può toccare con mano la differenza: ci sono pochi campi da inserire, con un’assistenza guidata, e la generazione del documento avviene subito. Confermando i dati, parte l’invio immediato al destinatario grazie al sistema di interscambio Sdi e il documento viene automaticamente archiviato per la conservazione e la successiva consultazione. Per ulteriori informazioni leggi la nostra guida completa “Come fare la fattura elettronica”.

Fatturazione elettronica per contribuenti forfettari: quando?

Ad oggi, i contribuenti in regime forfettario, con volume d’affari non superiore a 65mila euro annui e flat tax al 5% o al 15%, non sono obbligati ad emettere la fattura elettronica. L’Unione Europea, però, spinge per l’estensione della e-fattura a tutte le partite Iva forfettarie entro il 2024. In Italia, sono più di 1,5 milioni di imprese e professionisti, prevalentemente giovani e favorevoli all’uso delle tecnologie digitali. Questi soggetti puntano all’efficienza e vogliono evitare il più possibile ostacoli e complicazioni burocratiche. Per loro è inutile aspettare che il sistema diventi obbligatorio: l’adozione della fattura elettronica è possibile già adesso, migliora l’organizzazione e semplifica notevolmente gli adempimenti amministrativi e fiscali. L’impresa diventa in grado di operare in maniera più economica e agile.

Passare alla fattura elettronica conviene e consente, in aggiunta a tutti i vantaggi che abbiamo visto, di beneficiare del regime premiale sui controlli fiscali: i termini di decadenza dell’Agenzia delle Entrate sono ridotti di un anno, scendendo a soli 4 anni – anziché gli ordinari 5 – per chi adotta la fattura elettronica [1]. E il periodo utile per svolgere gli accertamenti fiscali a ritroso scende a soli 3 anni per chi utilizza esclusivamente metodi di pagamento tracciabili (bonifici bancari, carte di credito o di debito) per le operazioni di importo superiore a 500 euro [2].


note

[1] Art. 1, co. 692, L. n. 160/2019.

[2] Art. 3, D.Lgs. n. 127/2015, in relazione all’art. 57, co. 1, D.P.R. n. 633/1972 e art. 43, co. 1, D.P.R. n. 600/1973.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube