Diritto e Fisco | Articoli

Riduzione del canone di locazione: necessaria la registrazione?

27 Agosto 2014
Riduzione del canone di locazione: necessaria la registrazione?

Affitti e imposta di registro: la registrazione è volontaria solo per rendere la data certa e opponibile a terzi.

Se l’inquilino al quale hai affittato l’appartamento ti ha chiesto la riduzione del canone di locazione, e vuoi venirgli incontro, il problema che potrebbe porsi nel voler restare in regola con gli adempimenti fiscali è se sia sufficiente una semplice scrittura privata oppure se sia necessario che quest’ultima venga anche registrata all’Agenzia delle Entrate.

Il caso è stato affrontato dall’agenzia delle Entrate con una risoluzione del 2010 [1]. In essa si legge che l’accordo intervenuto tra il locatore e il conduttore, per la riduzione del canone di locazione di un contratto in corso, non dev’essere registrato in termine fisso.

Tuttavia, per rendere certo e opponibile a terzi il patto che comporta la riduzione della base imponibile, ai fini dell’imposta di registro e delle imposte dirette, le parti possono chiederne la registrazione volontaria, in modo da attribuirgli data certa.

Trattandosi di una facoltà, le parti possono procedere alla registrazione dell’atto anche una volta decorsi 30 giorni (termine previsto per la registrazione del contratto di locazione) rispetto alla data di sottoscrizione dell’accordo. In questo caso, non sarà irrogabile alcuna sanzione.

L’agenzia delle Entrate ha sostenuto tale soluzione facendo riferimento a un orientamento della Corte di cassazione [2], secondo cui “…le sole variazioni del canone non sono di per sé indice di una novazione di un rapporto di locazione, trattandosi di modificazioni accessorie della correlativa obbligazione…”.

La stessa Agenzia ha ricordato che è interesse della parti, ai fini probatori (data certa di fronte ai terzi), attribuire certezza e computabilità dell’accordo, in quanto la diminuzione del canone determina la riduzione della base imponibile ai fini dell’imposta di registro, dell’ Iva e delle imposte sui redditi. Pertanto, per rendere certo e computabile il patto, le parti possono richiederne la registrazione volontaria. La legge [3] infatti prevede che, anche in assenza di un obbligo di legge, “chiunque vi abbia interesse può richiedere in qualsiasi momento, pagando la relativa imposta, la registrazione di un atto”.

L’adempimento può essere assolto versando l’imposta di registro nella misura di 67 euro e assolvendo l’imposta di bollo (sin dall’origine nella misura di 16 euro per ogni foglio).


note

[1] Ag. Entrate risoluzione 60/E del 28.06.2010.

[2] Cass. sent. n. 5576/2003.

[3] Art. 8 del Tuir.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. la registrrazione della riduzione di canone per quanto riguarda il pagamento delle tasse ridotte è retroattiva?
    Se registro un contratto oggi per una riduzione di canone che decorre dal 1 luglio 2016 le tasse le pago ridotte dal 1 luglio 2016 o da oggi che presento talle scrittura?

    grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube