Diritto e Fisco | Articoli

Conto corrente cointestato: il prelievo non autorizzato è reato

8 Luglio 2014
Conto corrente cointestato: il prelievo non autorizzato è reato

Appropriazione indebita a carico del cointestatario di un conto corrente bancario, il quale, anche se autorizzato a compiere operazioni separatamente, utilizzi o prelevi, senza il consenso degli altri cointestatari, una somma in misura eccedente la quota da considerarsi di sua pertinenza.

Occhio ai conti correnti cointestati: il reato di appropriazione indebita per prelievi o pagamenti non autorizzati dagli altri comproprietari è sempre dietro l’angolo.

A lanciare il monito è una sentenza della Cassazione di qualche giorno fa [1]

Secondo la Corte, impossessarsi di una somma di denaro su un conto intestato a più soggetti o in comunione indivisa (come nel caso di comunione ereditaria), attraverso un prelievo allo sportello o al bancomat, o per fare un pagamento o un bonifico, costituisce reato. E ciò anche se è stata prevista la cosiddetta “firma disgiunta” e le operazioni sul rapporto possono essere fatte separatamente e indipendente dai vari cointestatari.

Tuttavia, perché ricorra l’illecito sono necessarie due condizioni:

1. si deve aver utilizzato una somma superiore a quella di propria pertinenza: per esempio, in un conto cointestato tra due soggetti, si presume che ciascuno (salvo prova contraria) abbia la proprietà del 50% delle somme. Pertanto, l’utilizzo del 51% da parte di uno dei due fa scattare il reato solo relativamente all’utilizzo di tale eccedente 1%;

2. se non c’è il consenso di tutti gli altri contitolari all’utilizzo dell’eccedenza: in altre parole, nell’esempio di poc’anzi, se l’utilizzo dell’1% in più rispetto al 50% del conto ha ricevuto l’approvazione del contitolare, allora il reato non scatta più.


note

[1] Cass. sent. n. 29019/14 del 4.07.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube