Diritto e Fisco | Articoli

Per la donazione occorre rivolgersi al notaio?

11 Dicembre 2021
Per la donazione occorre rivolgersi al notaio?

Dovrei donare un immobile. È necessario rivolgersi ad un notaio oppure è possibile donare stipulando un atto senza dover andare da un notaio?

In base all’articolo 782, 1° comma, del Codice civile la donazione deve essere fatta per atto pubblico sotto pena di nullità.

È quindi obbligatorio recarsi da un notaio per la stipula di un atto di donazione.

Una donazione con semplice scrittura privata o addirittura una donazione solamente verbale sarebbe pertanto nulla e non avrebbe alcun valore giuridico.

Tenga inoltre conto del fatto che, oltre all’atto pubblico, affinché una donazione (ed ogni altro atto che trasferisce la proprietà di fabbricati esistenti che costituiscano unità immobiliari urbane) sia valida, e non nulla, è anche necessario, in base all’articolo 29, comma 1 bis, della legge n. 52 del 1985, che lo stesso atto pubblico contenga:

  • l’identificazione catastale dell’immobile (cioè i dati catastali che identificano l’immobile);
  • il riferimento alle planimetrie depositate in catasto;
  • la dichiarazione, fatta dall’intestatario, della conformità dei dati catastali e delle planimetrie allo stato di fatto attuale dell’immobile (in alternativa alla dichiarazione vi può essere un’attestazione di conformità rilasciata da un tecnico abilitato); il donante deve cioè dichiarare, assumendosene la responsabilità, che nel momento in cui viene fatta la donazione lo stato di fatto dell’immobile corrisponde ai dati catastali e alle planimetrie depositate in catasto.

In aggiunta, il notaio è obbligato a verificare anche che non vi sia difformità tra risultanze del catasto e risultanze dei registri immobiliari (questa verifica, se viene omessa, non prevede la nullità dell’atto ma solo la responsabilità professionale del notaio).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube