Diritto e Fisco | Articoli

Alcoltest: il collutorio può falsare la prova

9 Luglio 2014
Alcoltest: il collutorio può falsare la prova

Guida in stato d’ebbrezza: il tribunale di Roma segue un orientamento difforme dalla maggioranza dei giudici.

Collutorio si, collutorio no. La più ricorrente scusa, usata da chi viene pizzicato dalla volante con il tasso di alcol sopra i limiti di legge, è ancora al centro del dibattito giurisprudenziale.

Sebbene l’orientamento della Cassazione sia quello di non dar credito a questo facile espediente per evitare la sanzione di guida in stato di ebbrezza (leggi “Etilometro: possibile evitarlo facendo sciacqui col collutorio?”), c’è anche chi ragiona diversamente.

Secondo, infatti, il Tribunale di Roma (interpretazione offerta in una recentissima sentenza [1]), il conducente può essere assolto dal reato in questione se, nonostante l’alcoltest abbia dato risultato positivo, sia riuscito a dimostrare – documentazione medica alla mano – di aver fatto uso di un collutorio: preparato che, appunto, secondo alcuni falserebbe la prova dell’etilometro per via della presenza di alcol nel composto.

Secondo il giudice Anna Maria Gavoni, dunque, “il fatto non sussiste”. È necessario, ovviamente, che la difesa riesca a insinuare almeno il dubbio che la rilevazione dell’alcoltest è stata alterata dall’antinfiammatorio contenente etanolo e, in ciò, la dimostrazione concreta di tale affermazione è la chiave per vincere il processo. Per cui, testi e consulenti di parte risultano decisivi per l’imputato: tutti devono confermare la somministrazione dell’antinfiammatorio all’imputato nel giorno “incriminato” [2].

Si tratta di un precedente non in linea rispetto alla maggioranza degli altri tribunali e, come detto, non condiviso neanche dalla Suprema Corte. In Cassazione, infatti, non hanno mai trovato ingresso le tesi difensive puntate sull’assunzione di medicine contenenti etanolo per contestare i risultati delle prove effettuate dalla Stradale.


note

[1] Trib. Roma sent. n. 3014/14.

[2] Nel caso di specie, la difesa aveva prodotto documentazione sanitaria secondo cui è stato il medico a prescrivere all’imputato il Froben, sotto forma di colluttorio, e il farmaco che contiene a sua volta elementi alcolici ben può in astratto influenzare l’esito della prova sul conducente ritenuto brillo dalla Stradale.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube