Diritto e Fisco | Articoli

I tubi del gas si possono fissare sul muro perimetrale del condominio

9 Luglio 2014 | Autore:
I tubi del gas si possono fissare sul muro perimetrale del condominio

In materia condominiale non sempre si applica la normativa sulle distanze tra fondi privati; dunque è consentita l’installazione sul confine di tubi per il passaggio del gas.

 

Quando si progetta la modifica o messa a punto di un sistema di tubature per il passaggio di acque o gas è necessario fare i conti con le prescrizioni di legge in materia di rapporti di vicinato e distanze legali tra confini. In generale, l’installazione delle varie condotte è sempre consentita purché si rispetti il limite di un metro dal confine, fermo restando che i regolamenti comunali possono imporre distanze maggiori [1]. Il rispetto di tale norma assicura un minimo di sicurezza e salubrità al fondo del vicino.

Il discorso cambia se l’edificio interessato è un condominio. In tal caso la regola sopra menzionata deve essere letta insieme alle garanzie e prerogative riconosciute dalla legge a tutela degli interessi dei condomini. Questi ultimi hanno diritto di utilizzare autonomamente le parti comuni nel modo che ritengono più opportuno, purché ciò non comporti danni agli altri, alla loro sicurezza o al decoro e stabilità dell’immobile [2].

Dato che tra le parti comuni, oltre che scale e cortili, rientra anche il muro perimetrale, ne consegue che il singolo può sfruttarlo per apporre le tubature di sua proprietà, purché ciò non comporti danni di alcun specie, né all’edificio e tanto meno al vicino [3].

In definitiva, la normativa condominiale, al fine di tutelare gli interessi dei singoli condomini, consente di derogare alla disciplina generale sulle distanzi legali purché ciò non pregiudichi la sicurezza, gli interessi e la salubrità del fondo confinante.


note

[1] Art. 889, cod. civ.

[2] Art. 1102, cod. civ.

[3] Cass. sent. n.14822 del 30.06.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube