Diritto e Fisco | Articoli

Il contratto: quando può dirsi davvero concluso

10 Luglio 2014
Il contratto: quando può dirsi davvero concluso

Puntuazioni non vincolanti se restano da determinare alcuni elementi anche secondari.

Un contratto non può ritenersi concluso ed avere efficacia vincolante per le parti fino a quando rimangono in discussione alcuni elementi principali o secondari dello stesso, anche se l’accordo raggiunto su alcuni punti sia documentato attraverso le cosiddette “puntuazioni contrattuali”. Queste sono libere e revocabili nel rispetto del principio del comportamento secondo buona fede e la loro inosservanza non determina un inadempimento contrattuale. In altre parole, l’essersi accordati solo su alcuni aspetti del futuro contratto non rende quest’ultimo già integralmente vincolante finché tutto non è stato definitivamente concordato.

Il chiarimento proviene da una recente sentenza del Tribunale di Perugia [1].


note

[1] Trib. Perugia, sent. n. 428/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube