Diritto e Fisco | Articoli

Una partita Iva può usare i buoni pasto per sé?

2 Dicembre 2021
Una partita Iva può usare i buoni pasto per sé?

Deduzioni e detrazioni dei buoni pasto: vantaggi fiscali e utilizzo. 

Un nostro lettore è titolare di una partita Iva. Pur non avendo dipendenti vorrebbe poter utilizzare i buoni pasto per l’acquisto dei generi alimentari che gli servono quotidianamente nella pausa dal lavoro. Ci chiede se un comportamento del genere sia legittimo o meno. Chi lavora in proprio può usufruire dei buoni pasto? O, detto in altri termini, una partita Iva può usare i buoni pasto per sé?

La risposta è affermativa. 

I buoni pasto possono essere utilizzati sia da chi ha un’azienda che da chi è titolare di una partita Iva; sia da chi ha dipendenti che da chi lavora in proprio. Per tutte queste situazioni la legge prevede delle deduzioni fiscali. Cerchiamo di capire entro quali termini e come funzionano.

Qualcuno li chiama impropriamente Ticket Restaurant: il nome però è preso in prestito dall’azienda che realizza i buoni pasto più utilizzati al momento in Italia. 

Utilizzo buoni pasto per chi ha un’azienda

Tra indennità in busta paga e bonus sostitutivi di mensa, gestire la pausa pranzo dei dipendenti può diventare complicato. È qui che entrano in gioco i buoni pasto. I buoni pasto, al contrario di ogni altra forma di indennità sostitutiva di mensa, sono completamente deducibili. 

In particolare, l’imprenditore può detrarre interamente l’Iva al 4%.

In più, i buoni pasto non sono considerati reddito da lavoro dipendente, e questo comporta che l’azienda non è tenuta a versare alcun contributo fino a 8 euro a persona al giorno per i buoni in formato elettronico, e fino a 4 euro a persona al giorno per quelli in formato cartaceo. 

Insomma, il beneficio per l’imprenditore è notevole ed evidente soprattutto in termini fiscali.

Utilizzo buoni pasto per chi ha la partita Iva

Anche chi non ha un’azienda ma una semplice partita Iva (parliamo quindi di liberi professionisti e autonomi) può utilizzare i buoni pasto. In tal caso, il ticket restaurant è deducibile al 75%, con Iva detraibile al 10% fino a un importo massimo pari al 2% del fatturato. 

Utilizzo dei buoni pasto in proprio per le partite Iva

Veniamo ora al quesito che ci è stato posto dal lettore: chi ha la partita Iva può utilizzare i buoni pasto per sé stesso, ossia per l’acquisto dei generi alimentari o per pranzare/cenare al ristorante o in un altro locale che accetti tali pagamenti? La risposta, come anticipato, è affermativa. Anche chi non ha dipendenti, infatti, può utilizzarli per scaricare le spese sostenute per i generi alimentari. Anche in questo caso, è ammessa la deduzione al 75% con Iva detraibile al 10%, fino a un importo massimo pari al 2% del fatturato. 

Il vantaggio, oltreché fiscale, è anche in termini di praticità. Difatti, nel concreto, la partita Iva anziché chiedere puntualmente la fattura per ogni spesa (che sia al ristorante, al bar o al supermercato), può limitarsi a conservare soltanto quella dell’acquisto dei buoni pasto.

Può in questo modo usare i buoni pasto anche chi lavora in smart working, uscendo di casa e andando a mangiare al ristorante. O, se preferisce mangiare a casa, può utilizzarli per fare la spesa al supermercato. 

Vero però è che i buoni pasto potrebbero essere utilizzati solo per l’acquisto di generi alimentari – essendo sostitutivi del servizio mensa – e non per altri prodotti come, ad esempio, bagnoschiuma, detersivi, spazzolini e altri prodotti tipici dei supermercati. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube