Business | Articoli

Contributi a fondo perduto Mise, disponibili oltre 500 milioni per i nuovi bandi

21 Giugno 2015 | Autore:


> Business Pubblicato il 21 Giugno 2015



Aperti nuovi finanziamenti agevolati e con contribuzione a fondo perduto da parte del Ministero per lo Sviluppo Economico.

Dopo un lungo periodo di crisi e mercati stagnanti, lo Stato prova a dare una scossa alle aziende appartenenti ai settori con più possibilità di sviluppo, come quello tecnologico ed informatico, industriale, turistico ed agricolo, realizzando diversi nuovi bandi pubblici a favore di chi investe. Vediamo quali finanziamenti stanno per essere attivati.

 

1 | BANDO ICT-AGENDA DIGITALE

Potranno partecipare al bando le imprese (comprese le PMI) che esercitano un’attività di produzione di beni o servizi, di trasporto o artigianale, le imprese agro –industriali, le aziende che svolgono attività ausiliarie in favore di tali imprese, i centri di ricerca e le start up innovative che svolgono le medesime attività dei soggetti appena elencati.

L’agevolazione riguarda nuovi programmi d’investimento, che abbiano ricadute positive nei seguenti settori: salute e assistenza, formazione, cultura, turismo, inclusione sociale, trasporti, energia, ambiente, monitoraggio e sicurezza del territorio, telecomunicazioni, industria, modernizzazione della P.A.

I progetti, che dovranno essere avviati solo dopo l’invio della domanda, ed avere una durata massima di 36 mesi (eventualmente prorogabile di ulteriori 12 mesi), potranno avvalersi di differenti tipologie di tecnologie dell’informazione e della comunicazione, comprese nanotecnologie, fotonica, open data , internet delle cose.

L’incentivo consiste in un finanziamento agevolato (con un tasso pari al 20% di quello stabilito dalla Commissione Europea), sino al 60% delle spese ammissibili, ed in un contributo a fondo perduto, dal 10 al 20% dei costi: il totale dei fondi a disposizione ammonta a 150 milioni di Euro.

Le istanze potranno essere presentate, esclusivamente in via telematica, a partire dal 25 giugno 2015, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 19.

 

2 | BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE

Potranno avvalersi dell’agevolazione le medesime tipologie d’imprese elencate nel Bando Agenda Digitale.

L’incentivo riguarda nuovi investimenti, per i quali si utilizzino tecnologie innovative (quali micronanoelettronica, fotonica, biotecnologie, materiali e sistemi di produzione avanzati), con sviluppi nei seguenti settori: processi e impianti industriali, trasporti, telecomunicazioni, energia, edilizia, ambiente, tecnologie aerospaziali.

Anche in questo caso, è previsto un finanziamento agevolato sino al 60% ed una contribuzione a fondo perduto massima del 20%. La dotazione prevista ammonta ad oltre 250 milioni di Euro.

Le istanze potranno essere presentate, esclusivamente via web, a partire dal 30 giugno 2015, dal lunedì al venerdì, dalle ore 10 alle ore 19.

In entrambi i bandi, ogni progetto realizzabile può avere un importo massimo di 40 milioni di Euro, ed essere presentato da più imprese o soggetti, in forma associata.

 

3 | VOUCHER START UP E MICROIMPRESE PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE

Sta per essere aperto anche un nuovo bando, che consisterà nell’erogazione di contributi a fondo perduto, da 10.000€ l’uno, in più tranches, per l’internazionalizzazione: i voucher serviranno a sostenere Start Up, Pmi, Microimprese e reti di imprese nei loro programmi d’internazionalizzazione. I contributi erogati saranno difatti finalizzati al pagamento di servizi di “Temporary Export Manager”, della durata di almeno 6 mesi. Il totale dei fondi disponibili ammonta a 19 milioni di Euro.

 

4 | CAMPAGNE DI PROMOZIONE STRATEGICA

Per contrastare il fenomeno dell’italian sounding, e rafforzare le indicazioni geografiche ed i prodotti alimentari e vinicoli italiani, sono stati stanziati 12 milioni di Euro. I contributi saranno volti a realizzare campagne promozionali e partnership nei mercati esteri più rilevanti, per sostenere la commercializzazione dei prodotti italiani originali, specialmente DOP e IGP e Biologico.

 

5 | NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

Dopo due anni di stop, è stata finalmente sbloccata l’agevolazione prevista dal Decreto Destinazione Italia del 2013, che prevede finanziamenti a tasso zero per nuove imprese (microimprese, PMI o cooperative) formate in maggioranza da giovani under 35, o donne di qualsiasi età. La misura sarà presto attiva in tutt’Italia, a differenza dei precedenti bandi, che finanziavano le nuove attività nel Mezzogiorno; non prevedrà più contributi a fondo perduto, ma sarà accessibile a un maggior numero di soggetti.

note

Autore immagine: 123rf com


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA