Diritto e Fisco | Articoli

Redditometro: il certificato del Pra fa scattare l’accertamento

13 Luglio 2014
Redditometro: il certificato del Pra fa scattare l’accertamento

Basta la registrazione al Pubblico Registro Automobilistico della proprietà dell’automobile per far scattare l’accertamento, anche se il contribuente eccepisce l’indisponibilità dei beni contestatigli dall’Agenzia delle Entrate.

Stretta sulle evasioni fiscali. Il certificato del PRA, che attesta la proprietà dell’automobile, basta da solo a far scattare l’accertamento sintetico (ossia quello basato sul redditometro) nei confronti del proprietario. Il contribuente si trova così in scacco al re perché potrebbe risultare inutile tentare di eccepire l’indisponibilità dei beni contestatigli dall’amministrazione finanziaria.

A dirlo è una ordinanza della Cassazione di venerdì scorso [1]. Nel caso di specie, i giudici hanno ritenuto che tre automobili, risultate dai certificati del PRA, siano sufficienti per legittimare l’atto impositivo.

Secondo la Suprema Corte, in materia di accertamento dei redditi, la disponibilità di un’automobile [2] costituisce una presunzione di capacità contributiva [3]; è, infatti, la stessa legge che impone di ritenere, in caso di tale disponibilità, l’esistenza di una capacità contributiva.

Insomma, in buona sostanza, quando vi è prova che il contribuente abbia la proprietà di beni come un’automobile – beni che, proprio per il loro valore, sono indici di una determinata capacità contributiva – l’Agenzia delle Entrate è tenuta a effettuare l’accertamento sintetico se risulta un’anomalia rispetto ai redditi dichiarati dal contribuente medesimo. Fermo restando che l’amministrazione finanziaria potrebbe, a tutto voler concedere, soltanto valutare la prova che il contribuente offra in ordine alla provenienza non reddituale delle somme necessarie per mantenere il possesso dei beni indicati dalla norma.


note

[1] Cass. ord. n. 15491 dell’11.07.2014.

[2] Beni previsti dall’art.2 del dpr n.600 del 1973.

[3] Da qualificare ai sensi dell’art.2728 cod. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube