Diritto e Fisco | Articoli

Quale pensione con 15 anni di contributi?

7 Marzo 2022 | Autore:
Quale pensione con 15 anni di contributi?

Pensione di vecchiaia con requisito di contribuzione ridotto: in quali casi può essere conseguita.

La pensione di vecchiaia erogata dalla generalità della classe amministrata dall’Inps, normalmente, richiede almeno 20 anni di contributi. Ci sono però delle ipotesi nelle quali risulta sufficiente avere alle spalle 15 anni di versamenti. Quale pensione con 15 anni di contributi?

L’ordinamento previdenziale prevede tre eccezioni, le cosiddette deroghe Amato [1], grazie alle quali è possibile pensionarsi con soli 15 anni di contribuzione.

Si tratta di eccezioni che riguardano chi possiede una certa anzianità contributiva al 31 dicembre 1992, chi possiede l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari alla stessa data o, ancora, chi ha alle spalle almeno 10 anni di lavoro discontinuo, unitamente ad altri requisiti.

Da non dimenticare, poi, che è possibile ottenere la pensione di 15 anni di contributi grazie al computo presso la gestione separata [2]: in buona sostanza, chi sceglie di far confluire tutti i versamenti posseduti verso questa gestione, può ottenere la pensione di vecchiaia contributiva (che si consegue con un requisito anagrafico maggiore rispetto alla pensione di vecchiaia ordinaria). La pensione di vecchiaia contributiva richiede solamente cinque anni di versamenti; il computo, però, ne richiede 15 complessivi: ecco perché attraverso il computo si ottiene la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi.

Per quanto riguarda le pensioni che possono essere conseguite con 15 anni di versamenti grazie alle deroghe Amato, il requisito anagrafico è invece quello della pensione di vecchiaia ordinaria, pari a 67 anni: in altri termini, si consegue la pensione di vecchiaia ordinaria con deroga al requisito contributivo.

15 anni di versamenti entro il 31 dicembre 1992

La prima delle deroghe Amato consente di conseguire la pensione con un minimo di 15 anni di contribuzione, purché tutti quanti accreditati entro il 31 dicembre 1992. Nei 15 anni di contribuzione possono essere contati anche i periodi di lavoro all’estero, i contributi figurativi e da riscatto, nonché ricongiunti verso le gestioni Inps.

Sono ammessi alla deroga sia gli scritti presso l’assicurazione generale obbligatoria dell’Inps che gli iscritti presso i fondi sostitutivi ed esclusivi.

Autorizzazione al versamento dei contributi volontari

La possibilità di conseguire la pensione di vecchiaia con 15 anni di versamenti è estesa anche a chi ha ottenuto dall’Inps l’autorizzazione al versamento dei contributi volontari entro il 31 dicembre 1992. Attenzione: non è necessario avere versato almeno un contributo volontario entro la stessa data, è sufficiente la sola autorizzazione. I 15 anni di contribuzione possono essere collocati anche dopo il 31 dicembre 1992.

Questa seconda deroga Amato non può essere fruita da coloro che sono iscritti presso le gestioni esclusive dell’Inps, come dipendenti pubblici, in quanto per queste categorie di lavoratori l’autorizzazione alla contribuzione volontaria non poteva essere conseguita alla data del 31 dicembre 1992.

Lavoro discontinuo

La terza deroga Amato, poco conosciuta, consente di ottenere la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi alle seguenti condizioni:

  • almeno 15 anni di contribuzione da lavoro subordinato, accreditati presso il fondo pensione dei lavoratori dipendenti;
  • almeno 25 anni di anzianità assicurativa: in buona sostanza, il primo contributo Inps deve risultare versato almeno 25 anni prima della domanda di pensione, anche se poi si possiedono meno di 25 anni di contributi;
  • almeno 10 anni, all’interno dell’intera carriera lavorativa, devono risultare lavorati in modo discontinuo; tale non è considerata l’annualità lavorata dal 1° gennaio al 31 dicembre, ma nella quale risultino accreditate meno di 52 settimane, a causa di un part-time che renda la retribuzione inferiore al minimo per l’accredito di un’annualità intera (per il 2021, inferiore a 10.724 euro annui) ai fini pensionistici.

Cumulo dei contributi

Il requisito dei 15 anni di contribuzione può essere conseguito anche attraverso il cumulo dei contributi, cioè sommando gratuitamente i versamenti accreditati ai fini del diritto a pensione. Il cumulo è tuttavia possibile soltanto laddove le casse che partecipano alla sommatoria prevedano tutte, nel loro ordinamento, la deroga Amato della quale ci si vuole avvalere.

Pensione di vecchiaia contributiva con computo

La pensione di vecchiaia contributiva, che può essere fruita dai lavoratori privi di contributi al 31 dicembre 1995, si consegue con un minimo di 71 anni di età e di 5 anni di contributi.

Questa pensione può essere conseguita anche da chi possiede contribuzione al 31 dicembre 1995, ma soltanto qualora si opti per il computo presso la gestione separata.

In questo caso, tutta la contribuzione confluisce presso la gestione separata Inps: pertanto, anche le quote di pensione che originariamente sarebbero state calcolate con il sistema retributivo, vengono ricalcolate con il metodo contributivo, normalmente penalizzante.

Inoltre, sono richiesti specifici requisiti per aderire al computo:

  • meno di 18 anni accreditati al 31 dicembre 1995;
  • almeno un contributo accreditato al 31 dicembre 1995;
  • almeno un contributo accreditato presso la gestione separata;
  • almeno 15 anni di contribuzione complessiva.

In base a quanto esposto, la pensione di vecchiaia contributiva può essere ottenuta con un minimo di 15 anni di versamenti, con riferimento a coloro che optano per il computo.

Attenzione: la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi può essere ottenuta soltanto con il computo, in quanto l’interessato ottiene lo status di iscritto presso la gestione separata, quindi iscritto dal 1996 in poi, pur possedendo contribuzione collocata in annualità precedenti. La stessa pensione di vecchiaia non può essere ottenuta attraverso l’opzione al contributivo [3], in quanto tale regime fa conservare lo status di vecchio iscritto, pur determinando l’applicazione delle regole di calcolo del sistema contributivo, compresa l’applicazione dei massimali annuali, a partire dalla data nella quale l’opzione diviene efficace.


note

[1] Art.2 D.lgs.503/1992.

[2] Art.3DM282/1996.

[3] Art. 1 co. 23 L. 335/1995.

Autore immagine: pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube