Diritto e Fisco | Articoli

Conversione del pignoramento: come salvare i beni

11 Gennaio 2022
Conversione del pignoramento: come salvare i beni

Se hai subìto un pignoramento, ti viene riconosciuta la possibilità di salvare i tuoi beni dalla vendita all’asta, a condizione di rispettare le norme di legge e i termini imposti dal giudice.

Subire un pignoramento non significa per forza vedere i propri beni finire in vendita all’asta, infatti, a certe condizioni, la legge [1] prevede la possibilità per il debitore di chiedere di sostituire alle cose o a crediti pignorati una somma di denaro determinata dal giudice dell’esecuzione: si tratta dell’istanza di conversione del pignoramento.

La conversione del pignoramento può essere una grande opportunità per salvare i beni a cui si è particolarmente affezionati, ma occorrono prudenza e massima attenzione alla legge. Vi è infatti il rovescio della medaglia: le cose pignorate saranno liberate solo a seguito del pagamento dell’intera somma determinata dal giudice, somma che sarà ben superiore al credito per il quale è iniziata l’esecuzione forzata. Prosegui nella lettura per sapere come salvare i beni con la conversione del pignoramento.

Fino a quando si può proporre l’istanza di conversione del pignoramento?

Puoi proporre l’istanza prima che il giudice dell’esecuzione disponga con ordinanza la vendita o l’assegnazione delle cose o dei crediti pignorati ai sensi delle disposizioni che regolamentano, in maniera differente, l’espropriazione mobiliare presso il debitore, l’espropriazione presso terzi e l’espropriazione immobiliare [2].

I tempi saranno più o meno ristretti non solo a seconda del tipo di espropriazione forzata scelta dal creditore, ma anche a seconda del numero delle procedure che grava in generale sul ruolo del giudice dell’esecuzione, per questo è necessario rivolgersi immediatamente a un legale appena subìto il pignoramento [3].

Attenzione particolare va riposta nelle espropriazioni mobiliari presso il debitore quando il valore dei beni pignorati non superi ventimila euro e non siano intervenuti altri creditori fino al deposito dell’istanza di vendita o assegnazione. In tali casi, il giudice provvederà con decreto reso fuori udienza per l’assegnazione e la vendita, quindi i tempi per l’eventuale deposito dell’istanza di conversione saranno più ristretti.

Contenuto dell’istanza

Nel rispetto dei termini sopra indicati, potrai chiedere al giudice dell’esecuzione di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari, oltre alle spese di esecuzione (ad esempio, compensi dovuti al custode e al perito eventualmente nominati dal giudice, compensi legali per l’avvocato del creditore procedente e rimborso tributi per iscrizione a ruolo della procedura esecutiva), all’importo dovuto al creditore pignorante e ai creditori eventualmente intervenuti [4], comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese.

Per intenderci, stiamo parlando di una somma di denaro ben superiore a quella per la quale è iniziata la procedura esecutiva. Dovrai quindi valutare attentamente la convenienza economica della scelta, considerando che, ovviamente, dovrai pagare anche il tuo avvocato per il deposito dell’istanza di conversione e per seguire il processo esecutivo.

Insieme all’istanza deve essere depositata presso la cancelleria del giudice competente per l’esecuzione [5], a pena di inammissibilità, normalmente tramite assegno circolare intestato al tribunale, una somma di denaro non inferiore a un sesto dell’importo del credito per cui è stato eseguito il pignoramento e dei crediti dei creditori intervenuti indicati nei loro rispettivi atti di intervento, dedotti gli eventuali versamenti da te già effettuati e di cui dovrai dare prova documentale. Questa cauzione verrà poi depositata dal cancelliere presso un istituto di credito indicato dal giudice e seguirà l’apertura di un conto corrente o di un libretto bancario intestato alla procedura esecutiva.

Determinazione della somma da sostituire alle cose e ai crediti pignorati

Verificato il corretto deposito dell’istanza e della cauzione, sentite le parti (creditore procedente, eventuali creditori intervenuti e debitore esecutato) in apposita udienza da svolgersi non oltre trenta giorni dal deposito dell’istanza di conversione, il giudice dell’esecuzione determina con ordinanza la somma da sostituire ai beni pignorati.

Possibilità di rateizzazione

Quando le cose pignorate sono costituite da beni immobili o cose mobili, la legge riconosce potenzialmente al debitore un’ulteriore opportunità: la rateizzazione del pagamento della somma dovuta.

In tali casi, con la medesima ordinanza con cui ammette la conversione del pignoramento, il giudice può disporre, valutata la presenza di giustificati motivi, che il debitore versi con rateizzazioni mensili entro il termine massimo di quarantotto mesi la somma determinata in sostituzione ai beni immobili o alle cose mobili, maggiorata degli interessi scalari al tasso convenzionale pattuito tra le parti o, in difetto, al tasso legale.

Il giudice determinerà uno specifico giorno del mese in cui eseguire i versamenti, fisserà un’udienza ogni sei mesi per la verifica del regolare e tempestivo pagamento delle rate sul conto corrente/libretto bancario intestato alla procedura e provvederà al pagamento al creditore pignorante o alla distribuzione tra i creditori delle somme versate dal debitore.

È bene chiarire che il beneficio della rateizzazione della somma dovuta non viene riconosciuto in automatico per il solo fatto di aver depositato l’istanza di conversione, ma può venire concesso dal giudice dell’esecuzione (quindi, a sua discrezione) qualora egli dovesse ritenere la sussistenza di giustificati motivi idonei a “scusare” il debitore per non essere in grado di pagare immediatamente e totalmente la somma determinata in sostituzione delle cose o dei beni pignorati. L’entità numerica delle rate mensili viene anch’essa determinata a discrezione del giudice.

Nella prassi, i giudici tendono a ravvisare la sussistenza di giustificati motivi idonei a concedere il beneficio della rateizzazione, anche in misura alta, nel caso del cospicuo ammontare della somma da versare rispetto alle condizioni economiche del debitore. Altre volte, il beneficio viene concesso in presenza di particolari e/o temporanee circostanze che rendano impossibile per il debitore provvedere al pagamento immediato dell’intera somma determinata dal giudice dell’esecuzione; una circostanza tale da indurre il giudice a concedere la rateizzazione della somma, anche nella misura massima, potrebbe essere quella della grave crisi economica in cui versano molti cittadini e molte imprese a causa della pandemia da Covid-19 (o, meglio, dalla sua gestione).

Decadenza dal beneficio della conversione

Nel caso in cui il debitore ometta il versamento dell’importo determinato dal giudice da pagare in unica soluzione, oppure ometta o ritardi di oltre trenta giorni il versamento anche di una sola delle rate eventualmente concesse, le somme versate formano parte dei beni pignorati.

Questo significa che anche qualora tu avessi versato gran parte delle rate determinate dal giudice, il mancato o ritardato (di oltre trenta giorni) pagamento anche di una sola rata comporterebbe la decadenza dal beneficio della conversione e le relative somme da te versate (compresa la cauzione iniziale) finirebbero per diventare anch’esse oggetto dell’espropriazione assieme ai beni pignorati. Ti troveresti quindi nella situazione di aver speso tanti soldi senza riuscire a liberare i tuoi beni e aggravando così la tua situazione patrimoniale. A guadagnarci sarebbero solo i creditori, i quali vedrebbero aumentare le loro possibilità di recuperare interamente i loro crediti.

La decadenza dal beneficio della conversione viene decisa d’ufficio dal giudice appena rilevato il mancato o ritardato versamento della somma o anche di una sola delle rate e, su richiesta del creditore procedente o creditore intervenuto munito di titolo esecutivo, dispone senza indugio la vendita dei beni pignorati.

Prima di depositare l’istanza di conversione, è il caso di ponderare bene tutto ciò.

Liberazione delle cose pignorate

Come sopra anticipato, occorre rispettare scrupolosamente ogni singolo termine di pagamento, in quanto, con l’ordinanza che ammette il debitore al beneficio della conversione, il giudice dell’esecuzione, nel caso in cui le cose pignorate siano costituite da beni immobili o cose mobili, dispone che le cose pignorate siano liberate dal pignoramento solamente con il versamento dell’intera somma determinata in sostituzione delle cose stesse.

Quante volte si può proporre l’istanza di conversione del pignoramento?

L’istanza può essere avanzata una sola volta a pena di inammissibilità, non è quindi possibile per il debitore avere una seconda chance per salvare i propri beni, salvo trovare un accordo stragiudiziale con il creditore procedente e gli eventuali creditori intervenuti muniti di titolo esecutivo (ad es. sentenze o decreti ingiuntivi provvisoriamente esecutivi) per la loro rinuncia all’esecuzione prima dell’aggiudicazione o dell’assegnazione dei beni pignorati.


note

[1] Art. 495 cod. proc. civ.

[2] Art. 530, 552 e 569 cod. proc. civ.

[3] Consegna processo verbale da parte dell’Ufficiale Giudiziario a seguito delle operazioni eseguite nell’espropriazione mobiliare presso il debitore, notifica del pignoramento in caso di espropriazione presso terzi ed espropriazione immobiliare.

[4] Creditori intervenuti fino al momento dell’udienza in cui è pronunciata (o il giudice si è riservato di pronunciare) l’ordinanza di conversione.

[5] Artt. 26 e 26bis cod. proc. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube