Diritto e Fisco | Articoli

Addio difesa preventiva dalle cartelle esattoriali

11 Dicembre 2021
Addio difesa preventiva dalle cartelle esattoriali
Il Governo ha approvato una nuova orribile norma, su spinta dell’Agenzia delle Entrate, per ridurre i ricorsi contro le cartelle esattoriali. Nel video qui sotto troverete tutta la spiegazione, in modo semplice e pratico.
In estrema sintesi, ciascuno di noi può controllare i debiti che ha col fisco chiedendo un estratto di ruolo, ossia un elenco delle cartelle esattoriali a suo nome non pagate.
Succede però spesso che in questo elenco risultino cartelle mai ricevute, magari perché mai spedite o perché il postino le ha smarrite.
Che succede in questi casi? Il contribuente sino ad oggi poteva fare ricorso: poteva impugnare l’estratto di ruolo, ossia l’elenco, per far cancellare da esso le cartelle che non gli erano mai state consegnate.
Da oggi in poi, in forza di questa nuova norma, non potrà più farlo. Per potersi difendere dovrà prima subire un pignoramento, un preavviso di fermo o di ipoteca e poi impugnare quest’ultimo. Insomma non più una difesa preventiva ma successiva, a danno ormai fatto perché il più delle volte il conto corrente, il quinto della pensione o dello stipendio sono stati ormai bloccati.
Perché questo? Per ridurre il numero dei ricorsi e sgravare di lavoro i giudici.
Vi sembra vera giustizia?



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube