Diritto e Fisco | Articoli

Bollette luce e gas in ritardo: cosa si rischia e cosa fare?

29 Marzo 2022 | Autore:
Bollette luce e gas in ritardo: cosa si rischia e cosa fare?

Si ha diritto all’indennizzo se la fattura viene emessa oltre i termini stabiliti? Che succede se la busta viene recapitata tardi a causa dei servizi postali?

Non pagare il consumo dell’energia elettrica o del gas per una negligenza dell’utente, per dimenticanza, perché la fattura arriva ma lo stipendio no, può comportare delle sanzioni. Ma se il mancato pagamento si deve al fatto che la bolletta di luce e gas è in ritardo, cosa si rischia e cosa fare?

Il cliente può passare suo malgrado dalla parte del torto: se non c’è la domiciliazione bancaria, l’utente è costretto ad aspettare che gli venga inviata la fattura per controllare che l’importo sia giusto in base ai consumi che a lui risultano e, nel caso sia tutto a posto, pagare entro il termine indicato proprio nella bolletta. Se questa, però, arriva in ritardo, il cliente non può pagare (anche perché non conosce l’importo, oltre a non poter verificare se la somma richiesta è quella giusta). Di conseguenza, è legittimo pensare che potrebbe scattare la morosità. Ma è davvero così? In realtà, forse non tutti i consumatori sanno che, in casi come questo, hanno pure diritto ad un rimborso. L’importante è sapersi muovere in tempo. Vediamo, dunque, cosa si rischia e cosa fare quando c’è la bolletta di luce e gas in ritardo.

Bolletta pagata in ritardo: cosa si rischia?

Ci sono due possibilità per chi paga in ritardo la bolletta di luce e gas: che l’utente appartenga al regime di maggior tutela o che il suo contratto sia inserito nel mercato libero.

Nel primo caso, cioè nel mercato tutelato, il venditore può chiedere al cliente gli interessi di mora per i giorni di ritardo, a un tasso pari a quello di riferimento fissato dalla Banca centrale europea (Bce) aumentato del 3,5%.

Significa che se, ad esempio, il tasso di riferimento è all’1,8%, il tasso di mora diventa del 5,3%. L’utente potrebbe essere costretto a pagare anche le sole spese postali per l’invio del sollecito.

Se il cliente ha sempre pagato le bollette entro la scadenza nell’ultimo biennio, per i primi 10 giorni di ritardo deve pagare solo il tasso di interesse legale.

Se, invece, si parla di un contratto nel mercato libero, il venditore può chiedere solo gli interessi di mora e le spese eventualmente previste dal contratto.

Bolletta pagata in ritardo: possono staccare luce o gas?

Secondo l’Autorità garante per l’energia (Arera), la fornitura non può mai essere sospesa in presenza di clienti definiti come «non disalimentabili» (ad esempio, gli utenti attaccati ad una macchina salvavita). In tutti gli altri casi, invece, la fornitura non può essere sospesa:

  • nei giorni di venerdì e sabato e nei giorni festivi e prefestivi;
  • in mancanza di comunicazione di costituzione in mora nei modi stabiliti dalla regolazione dell’Autorità e se non siano state rispettate alcune tempistiche minime definite dall’Arera;
  • se il pagamento della bolletta è già stato eseguito e comunicato al venditore, nelle modalità che quest’ultimo ha appositamente indicato nella comunicazione di costituzione in mora;
  • se il venditore non ha provveduto a fornire una risposta motivata ad un eventuale reclamo scritto presentato dal cliente, relativo alla ricostruzione dei consumi a seguito di malfunzionamento del gruppo di misura accertato dall’impresa distributrice o relativo alla fatturazione di importi anomali. Tale divieto non opera se l’importo anomalo è inferiore o uguale a 50 euro o il reclamo è stato inviato dal cliente, oltre i dieci giorni successivi al termine fissato per il pagamento della fattura di importo anomalo;
  • se l’importo del mancato pagamento è pari o inferiore all’ammontare del deposito cauzionale o della fideiussione rilasciata dal cliente finale e comunque inferiore ad un ammontare equivalente all’importo medio stimato relativo ad un ciclo di fatturazione (se, per esempio, il cliente è in mora perché non ha pagato una bolletta di 80 euro, la fornitura non può essergli sospesa se il deposito cauzionale è superiore a 80 euro);
  • se la morosità riguarda il mancato pagamento di corrispettivi per servizi diversi dalla fornitura e pagamenti non espressamente contemplati nel contratto di vendita e dettagliati nella scheda riepilogativa dei corrispettivi regolata dall’Autorità.

Per approfondire, leggi anche Distacco utenze senza preavviso: come comportarsi.

Bolletta pagata in ritardo: quando c’è l’indennizzo?

Come si diceva all’inizio, non sempre il pagamento di una bolletta in ritardo dipende dal cliente: chi non ha la domiciliazione delle utenze in banca, che consente il versamento automatico di quanto dovuto anche se la fattura non è ancora arrivata nel domicilio dell’utente, non può corrispondere al gestore l’importo richiesto perché non è possibile sapere a quanto ammonta il debito. In questo caso, cosa si rischia e cosa fare per evitare di diventare cliente moroso?

Devi sapere che i venditori di energia (luce e gas) sono obbligati ad emettere la bolletta entro 45 giorni dall’ultimo giorno fatturato oppure entro il termine indicato nel contratto del libero mercato. Se non viene rispettato questo vincolo, il cliente ha diritto ad un indennizzo automatico che può arrivare fino a 60 euro.

Nello specifico, l’indennizzo è pari a:

  • 6 euro fino a dieci giorni solari di ritardo nell’emissione della bolletta;
  • 2 euro in più ogni cinque giorni di ulteriore ritardo dopo il decimo (ad esempio, 8 euro per 15 giorni di ritardo, 10 euro per 20 giorni, ecc.), fino a un massimo di 20 euro per ritardi pari o superiori a 45 giorni dal termine di emissione;
  • 40 euro se il ritardo è compreso tra 46 e 90 giorni;
  • 60 giorni se il ritardo accumulato è superiore ai 90 giorni.

L’emissione della fattura di chiusura della fornitura oltre i termini previsti obbliga il venditore a riconoscere al cliente in bolletta un indennizzo dai 4 euro per un ritardo fino a dieci giorni ed è maggiorato di 2 euro ogni dieci giorni ulteriori di ritardo, fino ad un massimo di 22 euro per ritardi pari o superiori a 90 giorni solari.

Bolletta arrivata in ritardo: cosa fare?

Discorso diverso nel caso in cui la data di emissione della bolletta di luce e gas rientri nei termini previsti ma la fattura arrivi materialmente in ritardo al domicilio del cliente.

I casi sono due:

  • il cliente ha la domiciliazione bancaria: il pagamento avverrà regolarmente, poiché l’utente non deve fare alcunché. Se si accorge che il versamento dal conto è stato fatto ma non ha ricevuto la bolletta, potrà, casomai, chiedere al venditore dei chiarimenti e, in caso di qualche incongruenza, fare la dovuta contestazione (leggi Bolletta gas e luce con consumi errati: come contestare);
  • il cliente paga con bollettino postale: è la situazione più delicata, perché non è possibile versare un importo che ancora non si conosce. Tuttavia, il fatto che la bolletta non sia arrivata a casa non esime l’utente dall’obbligo di pagare i consumi effettuati, anche perché la fattura di luce e gas non arriva tramite raccomandata (si pensi a chi, per dispetto, ruba ogni giorno la posta del vicino). In tal caso, se si avvertono dei ritardi, la soluzione migliore è quella di comunicarlo il più presto possibile al venditore, in modo da farsi recapitare la bolletta anche tramite e-mail.

Va ricordato, comunque, che la compagnia energetica non riconosce il mancato o ritardato pagamento oltre i termini previsti solo perché la bolletta non è arrivata al domicilio dell’utente: il problema, infatti, viene imputato ai servizi postali e non ad un disservizio del venditore di luce e gas.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Buongiorno a tutti
    Volevo sapere come dovevo comportarmi per un problema con Eni Plenitude, il primo marzo ho dovuto lasciare la vecchia casa e quindi chiedere la cessazione sia per luce che Gas, ho fatto la richiesta tramite PEC espressamente con il modulo del loro sito e chiesto di staccare tutto per data massima 01/03/2022 in quanto l’appartamento sarebbe vuoto o ci sarebbe qualcun’altro dentro.
    Mi contattano circa a metà mese febbraio che in settimana dovrebbero staccare tutto e spiego che purtroppo devo viverci ancora fino a fine mese, se lo facevano il 28/02 mi andrebbe bene, allora mi spiega che devo annullare dicendo “no” alla telefonata e di inviare nuovamente la mail 2 settimane dopo, cosi ho fatto, e nonostante anche le richiesta non mi hanno mai risposto e hanno staccato tutto per il 06/04/2022 quindi un mese dopo , nonostante le mie richieste ed aver chiesto la disattivazione max il 1 marzo perche andavo via.
    Adesso non riesco ad accedere all’app per vedere le bollette quindi neanche per i pagamenti, ne per vedere i consumi. Ho mandato l’autolettura del contattore con data 01/03/2022 giorno in cui ho consegnato le chiavi al propietario.
    Cosa posso fare? ringrazio in anticipo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube