Diritto e Fisco | Articoli

Responsabile l’avvocato che cambia strategia difensiva senza avvisare il cliente

15 Luglio 2014
Responsabile l’avvocato che cambia strategia difensiva senza avvisare il cliente

In base all’ultima riforma forense, paga le spese di giudizio al cliente il legale che non avvisa l’assistito di un mutamento di rotta nella difesa.

Con la recente riforma forense, ogni avvocato è tenuto a comunicare, preventivamente, al proprio cliente, i rischi connessi all’azione giudiziale che si sta per intraprendere. Pertanto, se, nel corso della causa, il legale muta la strategia difensiva senza comunicarla all’assistito, al di là del fatto che la nuova tesi sia fondata o meno, in caso di rigetto della domanda egli è responsabile professionalmente e deve risarcire il cliente delle spese processuali.

È questa l’interpretazione sostenuta dal Tribunale di Verona in una recente sentenza [1].

A prescindere, dunque, che abbia o meno ragione, il professionista che non fornisce una corretta e costante informazione al proprio cliente viene meno agli obblighi informativi resi più stringenti dall’ultima riforma forense [2] valida per tutti i rapporti successivi al 2 febbraio 2013.

Ne consegue che, qualora il cliente pretenda di essere risarcito dei danni subiti, il giudice condannerà il legale a rifondere le spese di giudizio (salvo che, per lui, paghi l’assicurazione professionale).

Se il cliente non ha alcuna cognizione giuridica, spetta all’avvocato spiegare il significato della precisazione-modifica della domanda in termini comprensibili all’assistito e dunque, possibilmente, senza ricorso a brocardi latini, terminologia tecnica, richiami legislativi, articoli, comma, numeri, decreti legge, legislativi, ministeriali, leggi di conversioni, e chi più ne ha, più ne metta.

Il professionista, per risultare indenne da responsabilità professionale, deve riuscire a dimostrare di aver sottoposto una corretta consulenza affrontando tutti gli aspetti necessari.


note

[1] Trib. Verona, sent. n. 1582/14.

[2] Art. 13 Legge forense.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube