Diritto e Fisco | Articoli

Se l’azienda fallisce il dipendente deve provare il rapporto di lavoro con data certa

15 Luglio 2014
Se l’azienda fallisce il dipendente deve provare il rapporto di lavoro con data certa

Buste paga e Cud privi di data certa non sono sufficienti a dimostrare il rapporto di subordinazione e dipendenza tra il lavoratore e il datore.

Quando un’azienda fallisce, il dipendente che avanza dei crediti per retribuzioni non corrisposte ha l’onere di insinuarsi al fallimento per poter ottenere il pagamento di quanto dovutogli (eventualmente, per quanto attiene al TFR e alle ultime tre mensilità, verrà pagato dal Fondo di solidarietà dell’Inps). Egli, in tale sede, dovrà fornire la prova (oltre che del credito maturato) dell’esistenza di un rapporto di lavoro. Insomma, sarà il creditore-lavoratore a dover dimostrare, al giudice delegato al fallimento e al curatore fallimentare, di avere svolto attività alle dipendenze della ditta fallita con un contratto di lavoro subordinato.

A tal fine, è necessaria una prova che abbia data certa. Pertanto, in applicazione di tale principio, la Cassazione, lo scorso venerdì [1], ha chiarito che non sono sufficienti le buste paga e il Cud se sono prive di data certa; né possono essere utilizzate le scritture contabili interne dell’azienda (le quali fanno invece prova contro l’imprenditore nei rapporti tra imprenditori).

In teoria, anche l’amministratore della società potrebbe presentare domanda di insinuazione al fallimento, essendo un rapporto di lavoro subordinato pienamente compatibile con la carica di amministratore della società (purché quest’ultimo non sia amministratore unico): anch’egli però sarà tenuto a provare il requisito della subordinazione, che deve consistere nell’assoggettamento al potere direttivo, di controllo e disciplinare dell’organo di amministrazione nel suo complesso.

Spetta a colui che agisce per far valere i propri diritti nascenti da un rapporto di lavoro subordinato provare la natura subordinata delle proprie mansioni (posto che qualsiasi prestazione può essere resa sia sotto forma di lavoro autonomo che di lavoro subordinato).

Secondo la Suprema Corte non sono inidonei a fornire detta prova sia le buste paga che i Cud, perché privi di data certa: detti documenti, insomma, saranno inopponibili al curatore. Stesso discorso vale per le scritture contabili della fallita.

Sarà sempre opportuno, quindi, munirsi di ulteriori documentazioni come: il contratto di lavoro, la denuncia al centro per l’impiego, un estratto conto da cui si evidenziano i bonifici ricevuti in passato dal datore di lavoro, eventuali testimonianze provenienti da dichiarazioni di altri dipendenti (questi ultimi elementi di prova liberamente valutabili dal giudice), ecc.


note

[1] Cass. sent. n. 16031/14 dell’11.07.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. o vinto la causa , con mio avocata, pero non poso mettere in esecuzione la sentenza, perché, mio ex titolare a cambiato la ditta, a fatto un altra, con nome de altro, forse, con nume de sua moglie, ci sono un po de anni, cosa posiamo fare, ex titolare cambia sempre la ditta, gente lavora gratis , no si po, un paese come ITALIA, con li legge, con giustizia, cosa poso fare, avocato, mi manda a me, di cercarlo, di trovare io dove ce a la banca ex titolare .Seconda me sono messo male cosa se poso fare

  2. avendo una cessione del quinto dello stipendio e l’azienda fallisce mi spetta lo stesso il tfr

Rispondi a carmine sais Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube